[/paesi/paese/documenti/dettaglio.htm]

progetti

Stragi di Pasqua in Sri Lanka, 45 bambini fra le vittime

Civili evacuati durante un allarme attentato in una strada di Colombo, capitale dello Sri Lanka - ©M.A. Pushpa Kumara/EPA/REX/Shutterstock
Civili evacuati durante un allarme attentato in una strada di Colombo, capitale dello Sri Lanka - ©M.A. Pushpa Kumara/EPA/REX/Shutterstock
23 aprile 2019 – «L'UNICEF è profondamente scioccato e addolorato per i terribili attentati contro chiese e hotel avvenuti nello Sri Lanka nella domenica di Pasqua e che hanno mietuto centinaia di vittime tra le famiglie e i bambini. 

Esprimiamo la più profonda vicinanza alle vittime, alle famiglie e alle comunità colpite da questi attacchi brutali. 

Le notizie sul bilancio delle vittime tra bambini e adolescenti sono ancora provvisorie, ma al momento sappiamo che 45 bambini - sia cingalesi che di altre nazionalità - sono rimasti uccisi e molti altri feriti. 

Molti dei feriti lottano per sopravvivere nelle unità di terapia intensiva in tutto il paese».  A dichiararlo oggi è il Portavoce dell’UNICEF Italia Andrea Iacomini.

Ad oggi, sappiamo che:
  • 27 bambini sono morti e 10 sono rimasti feriti nell'attentato-kamikaze nella chiesa cattolica di San Sebastiano, nella città di Negombo.
  • 13 bambini sono morti nell'esplosione avvenuta nella chiesa Zion Roman a Batticaloa. Il più piccolo delle vittime aveva appena 18 mesi. Altri 15 bambini di età compresa tra 7 e 16 anni stanno ricevendo cure in ospedale.
  • Si contano al momento 5 bambini di nazionalità straniera tra le vittime.
  • 20 bambini sono ricoverati in ospedale nella capitale Colombo (quattro di essi in terapia intensiva) a seguito dei diversi attentati a chiese e hotel avvenuti nella città.

Molti bambini hanno perso uno o entrambi i genitori, e innumerevoli altri sono stati testimoni di questa violenza traumatizzante e insensata.

L'UNICEF sta lavorando a stretto contatto con i partner governativi per raccogliere informazioni affidabili sulla situazione dei bambini e degli adolescenti colpiti. 

Alcuni ospedali in cui sono ricoverati i bambini hanno bisogno di forniture sanitarie essenziali. L'UNICEF sta rifornendo e distribuendo gli aiuti necessari.

I bambini che sono rimasti separati dai genitori hanno bisogno di sostegno per identificare i genitori morti o dispersi ed eventualmente rientrare in contatto con le proprie famiglie. 

L'UNICEF sta assicurando sostegno tecnico e finanziario ai servizi sociali locali per contribuire a riunire i bambini con i loro genitori, con altri familiari superstiti o con altre persone che si prendono cura di loro.

Tra le principali necessità c'è anche il sostegno psicologico per chi è stato traumatizzato dagli attentati: questa settimana l'UNICEF garantirà un pronto intervento psico-sociale per i bambini e i loro familiari.

Stiamo inoltre continuando ad aiutare le autorità governative dello Sri Lanka (Ministero per le Donne e l'Infanzia e Ministero della Salute) per coordinare la raccolta dei dati e per garantire che i bambini e gli adolescenti abbiano la giusta priorità.

«L'UNICEF condanna con la massima fermezza questa violenza. Nessun bambino dovrebbe vivere una situazione così straziante e nessun genitore dovrebbe perdere per sempre il proprio figlio in circostanze così orribili» conclude Iacomini.