[/paesi/paese/documenti/dettaglio.htm]

progetti

Sud Sudan, 32 bambini rilasciati dai gruppi armati

© UNICEF/UN0202141/Rich
© UNICEF/UN0202141/Rich

24 luglio 2019 – Ieri, 32 bambini sono stati rilasciati da gruppi armati dell’opposizione nella contea di Leer, nel Sud Sudan settentrionale.

È il primo rilascio formale nell’ex Stato di Unity, una delle aree più duramente colpite dal conflitto. I bambini sono tutti ragazzi (maschi) tra i 13 e i 17 anni.

I bambini sono stati formalmente separati dal gruppo armato a Leer, alla presenza di genitori e membri della comunità.

Alcuni dei ragazzi sono stati utilizzati dai gruppi armati da quando il conflitto si è riacceso nel 2016 e da allora non hanno più rivisto i genitori.

«Utilizzare bambini in gruppi armati viola quasi tutti i diritti dell’infanzia esistenti,» ha dichiarato Mohamed Ag Ayoya, Rappresentante UNICEF in Sud Sudan.

«A questi bambini è stata sottratta l’infanzia e hanno visto cose a cui nessun bambino dovrebbe mai assistere. Ma non è troppo tardi per dare loro un futuro. Il futuro per loro comincia oggi

Dopo il rilascio formale, i bambini sono stati registrati in un programma di 3 anni per il reintegro, supportato dall’UNICEF.

A questi ragazzi verranno forniti aiuti di base come cibo, acqua, abiti e articoli per l’igiene. Inoltre, riceveranno un’istruzione formale o professionale e supporto psicosociale per imparare come convivere con queste esperienze.

Per ognuno di loro è stato individuato un operatore sociale che lo seguirà durante tutto il programma, dandogli sostegno.

Le comunità sono state preparate a ricevere questi ragazzi che avranno bisogno di tanto supporto nella transizione a una vita civile, dopo anni passati tra le fila di gruppi armati.

«Il reintegro non ha scorciatoie. Richiede tempo e ha un costo, ma abbiamo visto che produce risultati migliori e previene il ritorno, in seguito, ai gruppi armati,» ha dichiarato Ayoya.

«Chiediamo ai donatori di continuare a supportare i programmi di reintegro, per aiutare i bambini rilasciati a creare un futuro migliore per loro stessi.»

Da quando il conflitto è iniziato nel 2013, l’UNICEF ha supportato il rilascio di 3.143 bambini da forze e gruppi armati in Sud Sudan.

Lavorando a stretto contatto con la Missione delle Nazioni Unite in Sud Sudan (UNMISS), la Commissione nazionale per il disarmo, la smobilitazione e il reintegro (DDRC) e altri partner, l’UNICEF supporta questi bambini.

Secondo le stime dell’UNICEF in Sud Sudan sono 19.000 i bambini utilizzati da gruppi e forze armate.

Per il programma di Protezione dell’Infanzia dell’UNICEF, per i prossimi tre anni, sono necessari 5 milioni di dollari americani per prevenire il reclutamento e per il rilascio e il reintegro dei bambini precedentemente associati a gruppi e forze armate. Attualmente solo un quinto del budget è stato finanziato, da USAID.