A causa del terremoto, nel sud-ovest di Haiti, il 70% delle scuole sono ancora distrutte o danneggiate

3 minuti di lettura

06/10/2021

Secondo l’UNICEF, a un mese dal devastante terremoto che ha colpito Haiti, circa il 70% di tutte le scuole nella parte sudoccidentale del paese sono ancora danneggiate o distrutte. Come parte della campagna per il ritorno a scuola, circa 300.000 bambini stanno iniziando gradualmente a tornare a scuola in 3 dei dipartimenti colpiti.

Sono scioccato di vedere così tante scuole distrutte o danneggiate dal terremoto,” ha dichiarato Bruno Maes, Rappresentate UNICEF ad Haiti. “La portata dei danni agli edifici scolastici è peggiore di quanto pensassimo all’inizio. Riparare o ricostruire queste scuole richiederà tempo e risorse. Con o senza scuole, l’apprendimento e l'insegnamento devono continuare. Più a lungo i bambini aspettano, più difficile sarà riportarli a scuola.

Il terremoto ha ritardato la riapertura delle scuole già di un mese. Se le classi resteranno chiuse, l’UNICEF stima che oltre 230.000 bambini saranno a rischio di abbandono scolastico nei dipartimenti di Great Southern ad Haiti.

In conseguenza al terremoto, molte famiglie hanno perso i loro salari e lottano per far fronte alle spese per l'istruzione dei loro figli. Ogni giorno fuori dalle classi spingerà ancora più bambini verso violenze, abusi, sfruttamento, migrazione forzata e anche reclutamento in gang.

Insieme al Ministero dell’Istruzione, l’UNICEF sta esplorando diverse strategie per rispondere al numero ridotto di aule attualmente disponibili per l’insegnamento. Per esempio, le scuole ancora in funzione ospiteranno gli studenti delle scuole distrutte e utilizzano la modalità del doppio turno.

In alcune scuole distrutte, la fase iniziale del lavoro di ricostruzione dovrebbe accelerare nelle prossime settimane, se ci saranno risorse disponibili. Circa 150 nuove scuole saranno ricostruite e saranno allestiti 900 spazi temporanei per l’apprendimento.

Due giorni fa, l’UNICEF ha iniziato a distribuire materiale scolastico nelle aree colpite dal terremoto. Con il graduale ritorno a scuola nei prossimi giorni e settimane, in totale, circa 100.000 bambini riceveranno il proprio kit scolastico. In collaborazione con il governo haitiano, l’UNICEF aiuterà a fornire supporto per la salute mentale e psicosociale a studenti e insegnanti e incentivi per gli insegnanti.

Nonostante le attuali tensioni ad Haiti, tornare in classe nelle zone colpite dal terremoto significa molto più che riprendere a studiare", ha dichiarato Maes. "La scuola è il luogo in cui i bambini si ricongiungono con i loro amici, superano il trauma e tornano alla normalità attraverso il gioco. Questo primo giorno di scuola nel sud-ovest di Haiti è l'inizio di un nuovo capitolo nella vita dei bambini colpiti dal terremoto, un segno di speranza e di gioia per loro e per i loro genitori”.

In risposta al terremoto, l’UNICEF necessita urgentemente di 25,5 milioni di dollari per costruire nuove scuole, riparare quelle danneggiate e rispondete ai bisogni immediati dell’istruzione dei bambini colpiti. Finora, è stato ricevuto meno del 20% dei fondi richiesti.

06/10/2021

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama