Asia meridionale: la pandemia da COVID-19 ha interrotto l'istruzione di 434 milioni di bambini

5 minuti di lettura

09/09/2021

Secondo una ricerca dell'UNICEF condotta in India, Maldive, Pakistan e Sri Lanka, nonostante notevoli sforzi da parte dei governi e dei partner per espandere l'apprendimento a distanza, la chiusura delle scuole ha portato a disuguaglianze allarmanti nelle opportunità di apprendimento per i bambini dell'Asia meridionale.

La chiusura delle scuole in Asia meridionale a causa della pandemia da COVID-19 ha interrotto l'apprendimento di 434 milioni di bambini. Secondo la ricerca dell'UNICEF, una parte considerevole degli studenti e dei loro genitori ha riferito che gli studenti hanno imparato molto meno rispetto ai livelli pre-pandemia. In India, l'80% dei bambini tra i 14 e i 18 anni ha riportato livelli di apprendimento inferiori rispetto a quando andava fisicamente a scuola. Allo stesso modo, nello Sri Lanka, il 69% dei genitori di bambini della scuola primaria ha riferito che i loro figli stavano imparando "meno" o "molto meno". Le ragazze, i bambini provenienti dalle famiglie più svantaggiate e i bambini con disabilità hanno affrontato le sfide maggiori nell'apprendimento a distanza.


La chiusura delle scuole in Asia meridionale ha costretto centinaia di milioni di bambini e i loro insegnanti a passare all'apprendimento a distanza in una regione con scarsa connettività e accessibilità ai dispositivi

George Laryea-Adjei
Direttore regionale UNICEF per l'Asia meridionale

 "Anche quando una famiglia ha accesso alla tecnologia, i bambini non sono sempre in grado di accedervi. Di conseguenza, i bambini hanno subito enormi battute d'arresto nel loro percorso di apprendimento".

Nonostante i considerevoli sforzi dei governi, la scarsa connettività e l'accesso ai dispositivi digitali hanno ostacolato gravemente le azioni per la diffusione dell'apprendimento a distanza. In India, il 42% dei bambini tra i 6 e i 13 anni ha riferito di non aver utilizzato alcun tipo di apprendimento a distanza durante la chiusura delle scuole. In Pakistan, il 23% dei bambini più piccoli non aveva accesso a nessun dispositivo che potesse supportare l'apprendimento a distanza. Le famiglie povere e svantaggiate sono state le più colpite, in quanto molte famiglie fanno fatica a permettersi anche un solo dispositivo.    

Anche quando i dispositivi sono disponibili, secondo la ricerca dell'UNICEF sono spesso insufficientemente utilizzati e l'accesso dei bambini a questi dispositivi è spesso limitato. Per esempio, in Pakistan, tra i bambini che avevano accesso ai dispositivi, solo il 24% circa poteva usarli quando voleva.

La ricerca ha rilevato che l'impegno di studenti e insegnanti, quando è regolare e reciproco, è un forte fattore di successo nell'apprendimento dei bambini, soprattutto per gli studenti più giovani. Tuttavia, le indagini hanno rilevato che la maggior parte degli studenti aveva poco o nessun contatto con i loro insegnanti dopo la chiusura delle scuole. Nelle scuole elementari private dello Sri Lanka, il 52% degli insegnanti ha riferito di aver contattato i loro studenti cinque giorni alla settimana, ma questo numero è sceso a solo l'8% per gli insegnanti delle scuole elementari pubbliche. 

"La riapertura in sicurezza delle scuole deve essere considerata una priorità assoluta per tutti i governi. Parallelamente, investire negli insegnanti garantirà che i docenti e le scuole possano adattarsi a tutte le situazioni. Più gli insegnanti sono formati, dotati di attrezzature e supportati nell'apprendimento a distanza e misto, meglio saranno in grado di raggiungere tutti i loro studenti", ha aggiunto George Laryea-Adjei. "Questo è un investimento cruciale che dobbiamo fare per i bambini mentre la regione si prepara alle future ondate di COVID-19".

Abbiamo bisogno di costruire sistemi che possano resistere a qualsiasi tempesta e far sì che i bambini continuino a imparare, indipendentemente dalle circostanze

George Laryea-Adjei

L'appello dell'UNICEF

Per assicurare che i bambini continuino ad apprendere, l'UNICEF fa appello a: 

  • I governi a dare priorità alla riapertura in sicurezza di tutte le scuole, assicurando allo stesso tempo che i bambini siano in grado di perseguire un apprendimento di qualità a distanza, se necessario
  • Gli insegnanti di valutare i livelli di apprendimento dei bambini e garantire il recupero attraverso un periodo di "recupero dell'apprendimento".
  • I governi devono dare priorità alla vaccinazione degli insegnanti per sostenere la riapertura in sicurezza delle scuole
  • I governi devono formare e dotare gli insegnanti di attrezzature per raggiungere meglio i bambini e gli adolescenti con accesso limitato o nullo alla tecnologia attraverso una combinazione di modalità che includa dispositivi mobili, TV, radio e materiale stampato
  • I governi e i donatori a proteggere ed espandere gli investimenti nell'istruzione, compresi l'alfabetizzazione e il calcolo pre-primari e di base
  • Il settore privato e le organizzazioni della società civile a collaborare con i governi per migliorare la connettività e creare contenuti di alta qualità e multilingue per l'apprendimento a distanza, adatti alle esigenze degli studenti
  • Gli amministratori scolastici e i funzionari dell'istruzione a fornire maggiori indicazioni agli insegnanti per coinvolgere i loro studenti e utilizzare diversi tipi di tecniche di apprendimento
  • I genitori e gli assistenti devono ricevere un sostegno e una guida adeguati per continuare l'apprendimento a casa


La chiusura delle scuole in Asia meridionale ha aggravato una situazione che era già precaria. Anche prima della pandemia, quasi il 60% dei bambini dell'Asia meridionale non era in grado di leggere e comprendere un testo semplice entro i 10 anni di età. Inoltre, 12,5 milioni di bambini a livello primario e 16,5 milioni di bambini a livello secondario inferiore non andavano a scuola.

09/09/2021

News ed Aggiornamenti

Un vaccino anti COVID-19 per tutti con la Rete del Dono

Scopri di più