Coronavirus, l'epidemia aggiunge sofferenze ai bambini del Medio Oriente e Nord Africa

5 minuti di lettura

19/04/2020

20 aprile 2020 – Il COVID-19 continua a diffondersi nella regione del Medio Oriente e Nord Africa con oltre 105.419 casi e 5.699 morti associate (al 16/4). L’Iran registra il numero più alto di casi tra tutti i paesi nella regione - quasi l’80% del totale.
 
«La regione presenta  il più alto numero di bambini nel mondo che hanno bisogno di aiuto a causa dei conflitti e delle guerre in corso e il più alto tasso di disoccupazione tra giovani, mentre circa la metà di tutti i bambini nella regione vive in condizioni di povertà multidimensionale, privati dei servizi di base che comprendono istruzione, casa, nutrizione, cure mediche, acqua sicura, servizi igienico-sanitari e accesso alle informazioni», ha dichiarato Ted Chaiban, Direttore Regionale UNICEF per il Medio Oriente e il Nord Africa.
 
«La combinazione della mancanza o dell’inadeguatezza di servizi di base, anni di conflitto, povertà, deprivazione e adesso il COVID-19 stanno colpendo maggiormente i bambini vulnerabili, rendendo le loro difficili vite semplicemente insopportabili. Più a lungo questo andrà avanti, più profondo sarà l’impatto, soprattutto sui bambini.»
 
Nella regione vivono circa 25 milioni di bambini che hanno bisogno di aiuto, compresi rifugiati e sfollati interni.
 
La maggior parte di loro è stata sradicata dalle proprie case a causa di conflitti armati e guerre in Siria, Yemen, Sudan, Palestina, Iraq e Libia.
 
L'UNESCWA (Commissione economica e sociale delle Nazioni Unite per l'Asia Occidentale) stima che 1,7 milioni di posti di lavoro potrebbero andare persi nel 2020 a causa della chiusura della maggior parte delle aziende, della sospensione dei salari e un quasi totale lockdown. 
 
Si prevede che tutto questo incrementerà la povertà di ulteriori 8 milioni di persone nella regione. Secondo l’UNICEF probabilmente la metà saranno bambini.
 
Se non supportate da sistemi e programmi nazionali di protezione sociale, le famiglie non avranno altre scelte se non quelle di ricorrere a lavoro minorile, matrimoni precoci e interruzione della scuola per sopravvivere.
 
«Siamo fortunati perché non abbiamo molti casi tra i bambini, ma è evidente che la pandemia stia colpendo i bambini in prima persona. Molte famiglie nella regione sono diventate ancora più povere per la perdita di lavoro, in particolare quello pagato giornalmente.
 
Le famiglie stanno lottando per portare cibo a tavola a causa delle misure di contenimento. Oltre a questo, i bambini nella regione subiscono le conseguenze psicologiche a causa dello shock per il lockdown, senza andare a scuola, giocare, praticare sport all’aperto o poter incontrare i propri amici», ha aggiunto Chaiban.
 
L’UNICEF sta lavorando senza sosta con un ampio network di partner in tutti i paesi nella regione per supportare gli sforzi di lotta al COVID-19.
 
Man mano, l’UNICEF sta intraprendendo alcune delle più vaste operazioni umanitarie al mondo, comprese in Siria e Yemen:
 
- Nella regione, l’UNICEF sta lavorando con i partner del governo e non governativi per raggiungere e coinvolgere bambini, adolescenti, giovani e famiglie con informazioni e comunicazioni aggiornate sulle pratiche per ridurre i rischi di contagio, preservare il benessere e la salute mentale, fisica ed emotiva e prevenire lo stigma su coloro colpiti. Nelle ultime settimane, abbiamo raggiunto circa 22 milioni di persone attraverso TV, radio, giornali e più di 7 milioni di persone attraverso piattaforme digitali.
 
- Nonostante la chiusura dei confini, dello spazio aereo e dell’interruzione dei servizi aerei a livello globale e nella regione, l’UNICEF ha distribuito finora 1,6 milioni di unità di aiuti nella regione rifornendo i mercati locali per supportare le economie colpite. E’ stato fornito supporto ai Ministeri della Salute e agli operatori sanitari sul campo con la distribuzione di aiuti medici e sanitari fondamentali, che comprendono dispositivi di protezione individuali come mascherine chirurgiche, camici, guanti e occhiali protettivi, kit per test per il COVID-19, prodotti igienici, termometri e formazione per gli operatori sanitari sulla prevenzione.
 
- L’UNICEF lavora con i partner locali per preservare e riparare gli impianti idrici per fornire acqua sicura alle comunità nella regione, fondamentale per supportare le pratiche igieniche. Inoltre, l’UNICEF sta fornendo aiuti in acqua e servizi igienico-sanitari che comprendono acqua sicura da bere, saponette, sapone liquido, shampoo, detergenti, taniche, disinfettanti e igienizzanti per le mani.
 
- Circa 110 milioni di bambini nella regione adesso sono a casa e non a scuola. L’UNICEF sta supportando gli sforzi dei Ministeri dell’Istruzione per la continuità dell’istruzione attraverso programmi di apprendimento a distanza e attivando meccanismi e strumenti per fornire un’istruzione ai bambini in età scolare che comprendono la disponibilità di materiali attraverso TV, radio, piattaforme online e copie stampate per le comunità vulnerabili.
 
- L’UNICEF sta fornendo a genitori e a coloro che si prendono cura dei bambini – mentre rimangono a casa con i bambini – strumenti su attività ricreative ed extra scolastiche per rispondere ad alcune delle conseguenze psicologiche del lockdown.
 
- Come parte degli sforzi globali per combattere ciò che è diventata una “infodemia”, in altre parole fake news e informazioni non accurate, l’UNICEF sta aggiungendo ai pacchetti di assistenza umanitaria, materiali stampati con ulteriori informazioni e sta diffondendo messaggi via radio e TV.
L’UNICEF ha lanciato una campagna di massa sui social media con informazioni in arabo e altre lingue locali.
 
Nell’ambito dell’Appello Globale dell’UNICEF sull’Intervento Umanitario per i bambini, l’UNICEF nella Regione del Medio Oriente e Nord Africa chiede 92,4 milioni di dollari per continuare le sue attività di risposta nella regione per combattere il COVID-19.

19/04/2020

News ed Aggiornamenti

Chiama Ora il 800 91 42 49 e dona 9 euro al mese!

Chiama