COVAX: necessaria un'azione urgente per colmare il divario di equità di accesso ai vaccini contro il COVID-19

9 minuti di lettura

23/05/2022

A quasi 18 mesi dalla prima somministrazione di un vaccino contro il COVID-19, sono stati compiuti incredibili progressi: i Paesi a basso reddito hanno somministrato miliardi di vaccini contro il COVID-19 con uno storico lancio globale che non ha precedenti in termini di velocità, scala e popolazione raggiunta. Tuttavia, nonostante questi progressi e l'allentamento dei vincoli di fornitura a livello globale, le disuguaglianze tra i Paesi a basso e alto reddito continuano a costare vite umane e a prolungare la pandemia, aumentando la minaccia rappresentata dall'emergere di nuove varianti del virus, potenzialmente più pericolose.

Solo il 16% delle persone nei Paesi a basso reddito ha ricevuto una singola dose di vaccino, rispetto all'80% dei Paesi ad alto reddito. In alcuni Paesi a basso reddito, molte delle persone più a rischio della società - operatori sanitari, anziani e persone con condizioni di salute precarie - non sono protette, mentre giovani adulti sani ricevono dosi di richiamo nei Paesi più ricchi. Il mondo deve agire con urgenza per colmare questo divario di equità.

Dopo un anno di forti limitazioni, ci troviamo ora in una situazione che due anni fa sarebbe sembrata impossibile: l'offerta globale è sufficientemente elevata da supportare l'obiettivo generale di sostenere una vaccinazione equa e completa di tutte le popolazioni adulte e adolescenti a livello globale. COVAX - l'azione globale per accelerare lo sviluppo e l'accesso ai vaccini contro il COVID-19, guidata da CEPI, Gavi e OMS, in collaborazione con l'UNICEF - ha accesso a un numero di dosi più che sufficiente per consentire a 91 Paesi a basso reddito sostenuti dal COVAX Advance Market Commitment (AMC) - che fornisce dosi finanziate dai donatori di un'ampia gamma di vaccini contro il COVID-19 - di raggiungere i propri traguardi alla luce dell'obiettivo globale dell'OMS di proteggere il 70% della popolazione di ciascun Paese. Possiamo aiutare questi Paesi a raggiungere gli obiettivi individuali e a dare priorità alla copertura completa dei gruppi ad alto rischio. COVAX è ora aperto alle richieste di dosi per le campagne di richiamo da parte dei Paesi, e le incoraggia.

COVAX è anche in grado di consegnare queste dosi per farle arrivare a chi ne ha bisogno. In soli 15 mesi, COVAX - in qualità di pilastro per i vaccini del partenariato ACT-Accelerator per un accesso equo agli strumenti contro il COVID-19 - ha spedito oltre 1,3 miliardi di vaccini a 87 Paesi a basso e medio reddito in tutto il mondo. Le spedizioni COVAX rappresentano l'82% dei vaccini consegnati ai Paesi a basso reddito e la maggior parte dei vaccini contro il COVID-19 somministrati in ambito umanitario. Guidando lo sforzo di vaccinazione globale più rapido, vasto e complesso della storia, il lavoro di COVAX ha contribuito ad aumentare la percentuale media di persone protette da un ciclo completo di vaccini in questi Paesi a basso e medio reddito, portandola al 46%.

Ora si tratta di costruire su queste basi per aiutare i Paesi a proteggere completamente i gruppi ad alto rischio, a raggiungere gli obiettivi nazionali di vaccinazione e a colmare definitivamente il divario di equità del vaccino contro il COVID-19 a livello globale. Tuttavia, rimangono ancora degli ostacoli: la domanda e la capacità di assorbimento sono basse, con i Paesi a basso reddito che rimangono i più indietro.

Domanda e consegna

Con oltre 3,8 miliardi di dosi contro il COVID-19 somministrate finora, i governi nazionali dei Paesi a basso reddito hanno fatto da apripista. Il numero di Paesi con una copertura inferiore al 10% della popolazione è sceso da 34 a gennaio a 18 oggi. Alcuni Paesi sostenuti dall'AMC - ad esempio Bhutan, Cambogia, Vietnam, Maldive, Figi e Bangladesh - hanno una copertura superiore al 70%.

Sulla base degli sforzi di preparazione intrapresi finora, i Paesi più indietro stanno ricevendo un sostegno personalizzato. Nel gennaio 2022, l'OMS, l'UNICEF e Gavi hanno istituito il Partenariato per la distribuzione del vaccino contro il COVID-19 (CoVDP), un'iniziativa inter-agenzie che si basa sulle risorse esistenti a livello globale, regionale e nazionale per sostenere la distribuzione del vaccino contro il COVID-19 nei Paesi a basso reddito.

La CoVDP fornisce un supporto operativo urgente ai 34 Paesi che a gennaio 2022 avevano una copertura vaccinale completa pari o inferiore al 10%, molti dei quali si trovano in Africa. A metà aprile 2022, è stato coordinato ed erogato un totale di 29 milioni di dollari di finanziamenti urgenti - entro 15 giorni lavorativi o meno - a dieci Paesi tra le tre agenzie.

Sebbene la CoVDP e altre azioni stiano aiutando i Paesi a basso reddito a compiere progressi, le sfide devono ancora essere affrontate. In molti Paesi Omicron ha ridotto il rischio percepito del virus e ci sono altre priorità sanitarie su cui la popolazione e i governi si concentrano. Diventa quindi più importante la possibilità di integrare la vaccinazione contro il COVID-19 con altre attività dei sistemi sanitari, come ad esempio le campagne contro il morbillo e la poliomielite o la distribuzione di zanzariere contro la malaria.

Grazie al dialogo continuo con i Paesi sostenuti da AMC, sappiamo che la domanda è estremamente dinamica e difficile da prevedere, anche per i Paesi stessi. Grazie ai contributi dei governi nazionali, COVAX è in grado di fare alcune stime iniziali della domanda complessiva dei Paesi sostenuti da AMC. Dall'analisi delle ultime previsioni di pianificazione della domanda forniteci da questi Paesi, la domanda nazionale stimata da oggi fino all'inizio del 2023 è attualmente di circa 330 milioni di dosi da COVAX, oltre a quelle già consegnate o accettate dai Paesi. Tuttavia, si tratta di cifre dinamiche, che si evolveranno in base alla situazione sul campo e alla comparsa di nuove varianti. Per questo motivo, COVAX collaborerà con i governi nazionali per aggiornare continuamente queste stime.

Affinché il mondo continui a compiere progressi significativi nel colmare il divario globale di equità vaccinale, chiediamo con urgenza ai Paesi di fissare obiettivi ambiziosi sostenuti da piani concreti per l'attuazione - dando priorità alla copertura completa dei gruppi ad alto rischio - e a tutti i partner di coordinarsi per fornire ai Paesi le risorse necessarie per accelerare ed espandere le strategie nazionali, stimolare la domanda e superare le difficoltà operative. I prossimi 3-4 mesi sono cruciali per accelerare le campagne di vaccinazione contro il COVID-19 e per integrare le iniziative di vaccinazione contro il COVID-19 nei sistemi sanitari primari di routine.

Approvvigionamento

È una testimonianza del lavoro pionieristico delle comunità scientifiche e produttive il fatto che oggi l'offerta globale sia sufficiente a soddisfare le esigenze, così come il fatto che ci siano voluti solo 327 giorni per passare dal sequenziamento e pubblicazione del virus SARS-CoV-2 all'introduzione del vaccino contro il COVID-19 nell'uso di emergenza.

Mentre ci sforziamo di aiutare i Paesi a distribuire un maggior numero di dosi, dobbiamo anche lavorare per garantire che le forniture rimangano disponibili, al momento giusto. COVAX ha registrato ritardi nell'approvvigionamento di dosi nel 2021. Poiché molte dosi provenienti da accordi di acquisto anticipato stanno diventando disponibili insieme alle dosi donate, e la natura dinamica della domanda dei Paesi unita all'eccesso di offerta globale, è molto probabile che l'offerta complessiva superi la domanda. Tuttavia, COVAX sta collaborando con i produttori per contribuire a rendere l'offerta più sensibile ai cambiamenti della domanda.

Il fatto che l'offerta globale e quella di COVAX superino ora la domanda è una situazione vantaggiosa in caso di pandemia, in quanto garantisce a tutti i Paesi la disponibilità a lungo termine delle forniture e la scelta del prodotto. La protezione delle popolazioni in tempi rapidi deve ora avere la priorità.

Questo è fondamentale, dato che il 2021 ha dimostrato chiaramente l'impatto che una fornitura ad hoc e imprevedibile ha avuto sulla capacità dei Paesi con risorse più limitate dei sistemi sanitari di pianificare e lanciare campagne di vaccinazione. La certezza delle forniture consente ai Paesi di pianificare con maggiore sicurezza le campagne di vaccinazione nazionali, garantisce la disponibilità di scorte a rotazione nel Paese e favorisce una implementazione regolare ed efficiente. Sebbene si debba fare il possibile per ridurre al minimo gli sprechi e le scadenze, i Paesi a basso reddito devono essere in grado di accettare le dosi e di puntare in alto, senza essere stigmatizzati in caso di sprechi, che sono una parte inevitabile degli sforzi di vaccinazione contro qualsiasi malattia, in qualsiasi Paese.

COVAX si impegna a fornire ai Paesi una fornitura prevedibile e a lungo termine, che tenga conto di tutti i contesti e mantenga le riserve per garantire che l'offerta possa tenere il passo con le variazioni della domanda. Ciò include la collaborazione con i produttori e i donatori per garantire che tutti i nuovi vaccini adattati alle varianti arrivino a COVAX nello stesso momento dei Paesi a più alto reddito.

Chiediamo ai Paesi donatori e ai produttori di sostenere COVAX assicurando che il volume e la tempistica delle consegne corrispondano il più possibile alle esigenze dei Paesi a basso reddito. I donatori devono sostenere COVAX nel mantenere un portafoglio diversificato, che includa vaccini adattati alle varianti, se necessario.I produttori dovrebbero collaborare con COVAX per riorganizzare o ridimensionare le forniture a partire dagli accordi di acquisto anticipato esistenti.

Un mondo assediato da numerose sfide e crisi non cambia il fatto che la pandemia - la nostra crisi collettiva - è tutt'altro che finita. Colmare il gap di equità nei vaccini deve continuare a essere una priorità urgente per la comunità internazionale

23/05/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama