Emergenza Ucraina: grazie alla generosità delle aziende e dei grandi donatori

2 minuti di lettura

28/04/2022

In Ucraina si sta consumando un conflitto spietato, che vede i bambini come prime vittime. Sono 7 milioni e mezzo quelli coinvolti dalle ostilità, due milioni dei quali hanno dovuto abbandonare il paese per rifugiarsi all’estero. E le necessità a cui rispondere aumentano di giorno in giorno.
 
Grazie alla generosità di aziende e grandi donatori che sostengono la campagna straordinaria dell’UNICEF per i bambini dell’Ucraina abbiamo raccolto in poche settimane quasi 6 milioni di euro.

Tra questi abbiamo partner storici e affidabili che hanno deciso, tempestivamente, di scendere in campo al fianco dell’UNICEF come Generali|THSN, Jefferies, Apple, Ferrero, Pandora, Lavazza, LuisaViaRoma, Louis Vuitton, BANCA SELLA HOLDING, KPMG Italy, Fondazione Angelini.

A questi si sono aggiunte tante aziende e tanti donatori, italiani e internazionali, che ci hanno permesso di potenziare la risposta all’emergenza in corso in maniera significativa, quali Loro Piana, EssilorLuxottica, CNH Industrial, PINKO, Nice, Studio Chiomenti, Fondazione Snam e Snam, ITA Airways, AMCO, Beyfin spa, Bancomat S.p.A., Catalina Marketing, Chiesi Farmaceutici, Epta, Suzuki Italia, Treccani, Randstad Italia, Blue Sgr, Cassa edile Milano, Lodi, Monza e Brianza. 

Anche le piccole e medie imprese non si sono tirate indietro ed è importante per l’UNICEF ringraziare tutte le aziende che supportano il programma Impresa Amica. Grazie a tutti loro, e ai loro dipendenti che in molti casi hanno partecipato direttamente alla raccolta fondi, i nostri operatori sono stati messi in condizione di distribuire all’interno dell’Ucraina beni preziosi come farmaci, kit di pronto soccorso, attrezzature chirurgiche e ostetriche, e di attrezzare centri di prima assistenza per i profughi (“Blue Dots”) ai valichi di frontiera con i paesi confinanti.


“Ad oggi 2 milioni di bambini sono stati costretti a lasciare l’Ucraina a causa della guerra e altri 2,5 milioni di bambini sono sfollati nel paese, e ognuno di loro ha bisogno di protezione, istruzione, sicurezza e sostegno.” ha dichiarato Paolo Rozera, Direttore Generale UNICEF Italia. “Per questo ci tengo a ringraziare tutte le aziende e le fondazioni che ci hanno permesso di contribuire in modo significativo all’appello umanitario dell’UNICEF per questa crisi, attualmente stimato in 349 milioni di dollari per gli interventi prioritari di qui alla fine dell’anno.”

Insieme con i nostri partner, stiamo facendo la differenza per migliaia di bambini e famiglie dell’Ucraina.
Se sei un’azienda, unisciti a noi e contattaci.

28/04/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama