Epidemia di colera ad Haiti: 100.000 bambini - sotto i 5 anni - già malnutriti, sono particolarmente vulnerabili

5 minuti di lettura

14/10/2022

Secondo l'UNICEF, circa 100.000 bambini sotto i 5 anni che già soffrono di malnutrizione acuta grave sono particolarmente vulnerabili all'attuale epidemia di colera che ha colpito Haiti. In un momento in cui la maggior parte del paese sta affrontando una crescente insicurezza alimentare, i bambini colpiti da malnutrizione acuta hanno il sistema immunitario già indebolito e hanno probabilità tre volte maggiori di morire se contraggono il colera, questo rafforza ulteriormente la necessità di un'azione urgente per contenere la malattia.

Da quando è stato registrato il primo episodio di colera il 2 ottobre 2022, ci sono stati 357 casi sospetti di cui oltre la metà erano bambini sotto i 14 anni. I bambini tra 1 e 4 anni sono quelli più a rischio.

"La crisi ad Haiti è sempre più una crisi dei bambini," ha dichiarato Bruno Maes, Rappresentante dell'UNICEF ad Haiti. "1 su 3 di coloro che sono colpiti dal colera ha meno di 5 anni. Per i bambini già deboli a causa della mancanza di alimenti nutritivi, contrarre il colera e subirne gli effetti, compresi diarrea e vomito, è quasi una sentenza di morte. Devono essere identificati e curati urgentemente e devono essere prese misure concrete per prevenire nuovi casi di colera nelle comunità."

A Cité Soleil il primo caso di colera e malnutrizione

A Cité Soleil, dove è stato registrato il primo caso di colera, fino a 8.000 bambini sotto i 5 anni sono a rischio di morte per le concause di malnutrizione - in questo caso malnutrizione acuta- e colera, se non verranno attuate azioni per contenere questa minaccia. Migliaia di famiglie sono alle prese con la mancanza di cibo, poiché la zona svantaggiata è devastata dalla violenza e dalla minaccia di gang armate, che riducono drasticamente l'accesso della popolazione ai servizi di base. La già fragile situazione nutrizionale è ulteriormente aggravata dall'inflazione, dalla crescita del prezzo degli alimenti, dalla diffusa povertà, dal basso potere d'acquisto e dall'attuale epidemia di colera, che mette a rischio la vita di migliaia di bambini malnutriti.

Un'analisi nutrizionale condotta ad aprile a Cité Soleil ha rilevato livelli critici di malnutrizione, con 1 bambino su 5 sotto i 5 anni che soffre di malnutrizione acuta. La malnutrizione cronica è un altro grande problema ad Haiti che colpisce 1 bambino su 4. Da luglio a ottobre 2022, il supporto fornito dall'UNICEF e dai partner a Cité Soleil ha consentito di monitorare 3.155 bambini sotto i 5 anni e garantire assistenza di qualità a 1.180 bambini con malnutrizione acuta.

Uno screening per identificare casi di malnutrizione

Per contenere la malnutrizione durante questa ripresa del colera, l'UNICEF, il Ministero della Salute e i partner hanno lanciato screening per identificare la malnutrizione acuta tra 40.000 bambini sotto i 5 anni, l'orientamento tempestivo dei casi di malnutrizione acuta alle cliniche mobili sostenute dall'UNICEF o alle strutture sanitarie più vicine e la fornitura di cure di qualità a 8.000 bambini sotto i cinque anni con malnutrizione acuta. "Oggi combattiamo una guerra feroce contro la malnutrizione e il colera, due minacce mortali che mettono a rischio la vita dei bambini", ha aggiunto Maes. "Il tempo è contro di noi, perché il colera si diffonde rapidamente e c'è il rischio che l'epidemia vada fuori controllo".

L'UNICEF ha anche reso disponibile ai partner cibo terapeutico pronto all'uso, latte terapeutico (F-75, F-100) e altri aiuti per la cura della malnutrizione acuta e per rafforzare la capacità di cure e di ricovero adeguate. L'UNICEF collabora anche con gli operatori sanitari delle comunità (ASCP) per promuovere le pratiche di alimentazione dei neonati e dei bambini e per insegnare alle famiglie come fermare la trasmissione del colera nella comunità. L'UNICEF ha lanciato un primo appello per la risposta specifica al colera di 22 milioni di dollari - attualmente sotto finanziato.

14/10/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama