Fadimata, 4 anni, già campionessa della nutrizione. In Mali si promuove una sana alimentazione sin dalla prima infanzia, grazie all'UNICEF

5 minuti di lettura

28/02/2024

Aissata è un’istruttrice responsabile della sezione A, presso il Centro di Sviluppo della Prima Infanzia "Les Poupons", situato nella regione di Ségou, in Mali. 

Ogni mattina, insieme ad altri cinque istruttori, accoglie calorosamente 289 bambini, tra 3 e 5 anni. Circa la metà di loro sono bambine. 

Una volta che i bambini hanno preso posto in classe, Aissata si avvia verso la sezione A, dove i piccoli attendono con impazienza il suo arrivo. La lezione di oggi ha lo scopo di insegnare ai bambini il valore nutrizionale di frutta e verdura, che consumano ogni giorno. Aissata utilizza una serie di strumenti educativi, come i supporti visivi, disegni, giochi, canzoncine, storie ed aneddoti, per far arrivare il messaggio ai bambini in modo efficace. E i bambini prendono davvero a cuore queste lezioni.

Frutta e verdura sono fondamentali per i bambini. Ci fanno crescere bene, ci danno vitamine essenziali e ci mantengono in salute. Da quando la maestra mi ha detto che le carote fanno bene alla vista, le mangio molto spesso, anche se prima non mi piacevano. È importante lavare bene frutta e verdura prima di mangiarle, per evitare disturbi allo stomaco.

Fadimata, 4 anni, campionessa nel sensibilizzare al tema della corretta alimentazione

Difficile accedere a cibo nutriente, soprattutto per i più vulnerabili

La situazione alimentare di donne, adolescenti e bambini sotto i 5 anni, in Mali, è molto precaria, e alcune regioni del paese vivono situazioni allarmanti. In particolare, la limitata varietà nella dieta di adolescenti e donne è fonte di preoccupazione. Il tasso persistentemente elevato di malnutrizione acuta tra i bambini (10,8% di loro ne è colpito, secondo l'indagine SMART 2022) e la prevalenza di anemia tra le donne e le adolescenti (circa il 63% del totale) aggravano ulteriormente il problema.

A Ségou, una delle regioni con i più alti tassi di malnutrizione, è stata attuata un'iniziativa guidata dalla comunità per migliorare il benessere nutrizionale di bambini, ragazze e donne. L'istituzione di Centri per lo Sviluppo della Prima Infanzia e la promozione di un'alimentazione sana all'interno della comunità, hanno avuto un impatto positivo sulla vita di numerose persone, portando a un miglioramento generale del loro benessere. Questo approccio basato sulla comunità è un esempio lampante dei risultati positivi del progetto NAFAMA (un acronimo che tradotto significa “Migliorare lo stato nutrizionale di donne, bambine e bambini sotto i cinque anni in situazioni vulnerabili in Mali”).

Sylla Fatoumata Ousmane Maiga, responsabile per la prima infanzia e l’educazione speciale presso il centro di Sègou, sottolinea l’importanza del progetto NAFAMA.  

“Il progetto NAFAMA porta immensi benefici alla comunità. Non solo migliora lo stato nutritivo delle donne e dei bambini, ma permette alle famiglie di ridurre le spese sanitarie, facendo nascere bambini in salute

Per migliorare il benessere e la salute di donne, adolescenti e bambini, sono stati istituiti programmi di comunità, per fornire servizi integrati. Questi programmi hanno come priorità l’uguaglianza di genere e comprendono servizi essenziali come sanità, nutrizione, igiene, istruzione, sviluppo della prima infanzia e protezione dei bambini. Il progetto NAFAMA combina una parte di educazione interattiva con workshop pratici sull’alimentazione. Lo scopo è promuovere un comportamento alimentare sano all’interno delle comunità, con il coinvolgimento attivo delle persone.

La piccola Fadimata, porta questi messaggi su nutrizione e igiene tra i famigliari e gli amici della comunità

"Fadimata torna dal centro sempre con nuove conoscenze", racconta sua madre, Kadia Koita. "Oggi mi ha illuminato sull'importanza del lavaggio delle mani e della pulizia accurata di frutta e verdura prima del consumo, e mi ha colpito mentre mi spiegava le vitamine che possiedono".

Il progetto NAFAMA  è un'importante iniziativa sostenuta dall'UNICEF e dal Governo del Canada. Nell'ambito di questo progetto, sono stati formati 300 supervisori specializzati nello sviluppo della prima infanzia nelle regioni di Mopti, Ségou e Timbuktu. Questi supervisori sono stati dotati di materiali formativi sulla nutrizione così da migliorare la loro capacità di promuovere una buona alimentazione tra i bambini e le famiglie. 

Per lottare efficacemente contro la malnutrizione infantile nella regione di Ségou, vengono organizzati workshop con le donne della comunità per mostrare quali sono i cibi più nutrienti e come prepararli.

Promuovere temi importanti, oltre la nutrizione

Il progetto ha esteso il suo raggio d’azione anche nelle comunità locali, sensibilizzando oltre 300 mila coordinatori, responsabili di bambini di età inferiore a cinque anni, per promuovere temi come le pratiche familiari di base, il cibo più opportuno per i bambini più piccoli nonché la stimolazione psico-cognitiva per la loro crescita.

Nel centro che frequenta Fadimata, queste iniziative hanno avuto un impatto diretto sul modo in cui gli operatori lavorano con i bambini, fornendo risorse e conoscenze preziose. Di conseguenza, lei e gli altri bambini ora beneficiano di una maggiore attenzione alla loro salute e alla loro alimentazione, due fattori vitali per la loro crescita e il loro sviluppo complessivo.

Per saperne di più sui Programmi di UNICEF contro la malnutrizione, visita la sezione Nutrizione.

28/02/2024

News ed Aggiornamenti

Dona 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama