Haiti: 1 bambino su 3 (1,5 milioni) ha bisogno di assistenza umanitaria

4 minuti di lettura

09/07/2021

Circa un terzo di tutti i bambini di Haiti - almeno 1,5 milioni - hanno urgente bisogno di aiuti di emergenza a causa delle crescenti violenze, dell'accesso limitato all'acqua potabile, alla salute e alla nutrizione, dell'interruzione dei servizi di istruzione e protezione in periodo di COVID-19, e di uragani.

L'UNICEF è profondamente preoccupato che ulteriori violenze e insicurezze, in seguito all'assassinio del presidente di Haiti, potrebbero porre serie sfide al lavoro umanitario dei nostri team sul campo e alla loro capacità di raggiungere in sicurezza i bambini e le famiglie più vulnerabili.

Anche se l'UNICEF dispone di aiuti salvavita ad Haiti, la violenza e l'instabilità prolungate potrebbero impedire la distribuzione e il rifornimento di scorte di aiuti essenziali per i bambini, compresi i vaccini, le medicine e le forniture mediche e le cure per chi soffre di malnutrizione. 

"Questa è la peggiore crisi umanitaria che il paese abbia affrontato negli ultimi anni, e sta peggiorando settimana dopo settimana", ha dichiarato Bruno Maes, rappresentante dell'UNICEF ad Haiti. "La vita di molti bambini dipende dagli aiuti umanitari e da beni essenziali, come vaccini, siringhe, medicine e alimenti terapeutici. Quando le gang combattono per strada e i proiettili volano, è difficile raggiungere le famiglie più vulnerabili con questi aiuti salvavita. A meno che alle organizzazioni umanitarie non venga garantito un passaggio sicuro, migliaia di bambini colpiti continueranno a rimanere con scarsa o nessuna assistenza".

L'UNICEF è allarmato dalla terribile situazione umanitaria dei bambini e delle famiglie di Haiti, che si sta rapidamente deteriorando dall'inizio di quest'anno. Solo nei primi tre mesi del 2021, il numero di ricoveri di bambini con malnutrizione acuta grave nelle strutture sanitarie di Haiti è aumentato del 26% rispetto allo scorso anno.

Dall'inizio di giugno, sono scoppiati nuovi scontri tra gang armate rivali in alcune aree urbane della capitale Port-au-Prince, centinaia di case sono state bruciate o danneggiate. Più di 15.000 donne e bambini sono stati costretti a fuggire dalle loro case a causa di atti di violenza a Port-au-Prince e dintorni, l'80% di loro solo nelle ultime quattro settimane.

Questo recente picco di violenza avviene in concomitanza con un graduale aumento dei casi di COVID-19 ad Haiti. Alla fine di giugno, sono stati segnalati più di 18.500 casi confermati di COVID-19 e 425 morti. I principali ospedali dedicati al COVID-19 sono saturi e devono affrontare una carenza di ossigeno. Alcuni pazienti stanno morendo perché la violenza delle gang armate impedisce alle ambulanze di raggiungerli con l'ossigeno e le cure di emergenza.

"Haiti è l'unico paese dell'emisfero occidentale in cui non è stata ricevuta una sola dose del vaccino  contro il COVID-19. È inaccettabile", ha continuato Bruno Maes. "La violenza delle gang a Port-au-Prince e dintorni probabilmente ritarderà ulteriormente l'arrivo dei vaccini contro il COVID-19 e renderà più complicata la loro distribuzione nel paese."

A causa della recrudescenza dei casi di coronavirus ad Haiti, ogni giorno in più senza vaccino mette in pericolo centinaia di vite

Bruno Maes
Rappresentante dell'UNICEF ad Haiti

L'azione dell'UNICEF

In tutto il paese, l'UNICEF sosterrà la distribuzione, il trasporto e lo stoccaggio dei vaccini contro il COVID-19 alla giusta temperatura. Negli ultimi tre anni, l'UNICEF ha installato più di 920 frigoriferi solari ad Haiti per rafforzare la catena del freddo soprattutto nelle aree remote dove l'elettricità non è costante. In totale, l'UNICEF ha dotato il 96% di tutti gli istituti sanitari di Haiti di frigoriferi solari.

L'aumento della criminalità delle gang e maggiore insicurezza hanno ostacolato le operazioni umanitarie nella periferia di Port-au-Prince. Di conseguenza, l'UNICEF ha intensificato i suoi sforzi per utilizzare una logistica più sofisticata e considerare percorsi alternativi per portare assistenza in modo più efficace ai bambini in difficoltà.

L'UNICEF sollecita la fine della violenza delle gang ad Haiti e chiede un passaggio sicuro per raggiungere le famiglie coinvolte con assistenza umanitaria nelle zone più colpite di Port-au-Prince.  

Per il 2021, l'UNICEF necessita di 48,9 milioni di dollari per soddisfare i bisogni umanitari di 1,5 milioni di persone ad Haiti - compresi oltre 700.000 bambini - che sono stati aggravati dalla pandemia da COVID-19 e dalla violenza delle gang. Finora, questo appello umanitario è rimasto ampiamente sottofinanziato, con solo il 31% dei fondi richiesti disponibili.

09/07/2021

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800900083

Chiama