Haiti, 580 mila persone hanno bisogno di assistenza. Sono 115 mila le case danneggiate o distrutte

3 minuti di lettura

18/08/2021

Il numero ufficiale delle morti e delle distruzioni ad Haiti continua a crescere. Alla fine della giornata di martedì, almeno 1.941 persone risultavano morte e oltre 9.900 ferite. Più di 115.000 case risultavano danneggiate o distrutte, e quasi 580.000 persone, ovvero circa il 40% della popolazione dei tre dipartimenti, avevano bisogno di assistenza di emergenza.

Le valutazioni preliminari condotte martedì dall'UNICEF e dai funzionari haitiani in uno dei tre dipartimenti più duramente colpiti dal terremoto di sabato, seguito da Tropical Depression Grace lunedì, hanno rivelato una vasta distruzione delle scuole, a poche settimane dalla loro riapertura.

Le stime iniziali mostrano che 94 delle 255 scuole del Dipartimento Sud sono completamente distrutte o hanno subito danni parziali. Le valutazioni devono ancora avere luogo nei dipartimenti di Nippes e Grand'Anse, così come altre comunità che devono ancora essere raggiunte.

"Sarà estremamente difficile per i genitori, gli insegnanti e il governo riportare i bambini a scuola in sicurezza tra sole tre settimane, quando le scuole riapriranno il 7 settembre", ha detto Bruno Maes, Rappresentante dell'UNICEF ad Haiti, dopo aver visitato una scuola danneggiata a Mazenod, vicino a Les Cayes. "Ma è così cruciale per i bambini - che hanno appena vissuto questa traumatica esperienza di terremoto e clima estremo - avere la normalità e la stabilità di essere in una classe con i loro amici e insegnanti".

L'ultima calamità si aggiunge a due anni che hanno visto i bambini fuori dalla scuola per mesi a causa di problemi politici o di sicurezza e della pandemia COVID-19, ha detto Maes. "I bambini di Haiti hanno bisogno di solidarietà e sostegno. I genitori e gli insegnanti che hanno perso tutto avranno bisogno di sostegno. E avremo bisogno di risorse per ricostruire alcune scuole, riabilitarne altre, dotare le classi di banchi, insegnanti e studenti di kit pedagogici e scolastici. Rimettere i bambini nelle aule è forse il modo migliore per assicurarsi che essi - e le loro famiglie e comunità - possano riprendersi".

L'UNICEF sta facendo confluire nelle aree colpite aiuti salvavita tra cui medicine, acqua sicura, materiale igienico-sanitario e teloni, anche se le inondazioni e gli smottamenti ostacolano gli sforzi per il soccorso.

L'UNICEF stima che avrà bisogno di 15 milioni di dollari per rispondere ai bisogni più urgenti di almeno 385.000 persone, compresi 167.000 bambini sotto i cinque anni, per un periodo di otto settimane. Questo richiesta iniziale di finanziamento sarà rivista e aggiornato nelle prossime settimane, man mano che l'impatto sui bambini e sulle famiglie diventerà più chiaro.

Per interviste, è possibile contattare Andrea Iacomini, Portavoce UNICEF Italia:
tel: 342 809 63 97
email: portavoce@unicef.it

18/08/2021

News ed Aggiornamenti

Un vaccino anti COVID-19 per tutti con la Rete del Dono

Scopri di più