Haiti, forniture essenziali per i bambini saccheggiate nel porto principale di Port-au-Prince controllato dai gruppi armati

4 minuti di lettura

18/03/2024

Due giorni fa, uno dei 17 container dell'UNICEF è stato saccheggiato nel porto principale di Port-au-Prince, ad Haiti. Il container saccheggiato conteneva aiuti essenziali per la sopravvivenza materna, neonatale e infantile, tra cui rianimatori e relative attrezzature, oltre a forniture critiche per lo sviluppo e l'educazione della prima infanzia, attrezzature idriche e altro.

Più di una settimana fa, i gruppi armati hanno fatto irruzione nel porto principale della città, interrompendo una delle ultime vie di salvezza della capitale per il cibo e i rifornimenti, mentre il Paese si avvicina al collasso. Attualmente, oltre 260 container umanitari sono controllati dai gruppi armati al porto.

Privare i bambini di forniture sanitarie vitali in un sistema sanitario al collasso è una violazione dei loro diritti. Questo incidente si verifica in un momento critico in cui i bambini ne hanno più bisogno", ha dichiarato Bruno Maes, Rappresentante dell'UNICEF ad Haiti. "Il saccheggio di forniture essenziali per il supporto salvavita dei bambini deve cessare immediatamente e l'accesso umanitario deve rimanere sicuro".

Da gennaio, il deterioramento della situazione della sicurezza ad Haiti ha continuato a peggiorare la crisi umanitaria, e l'UNICEF ha espresso gravi preoccupazioni per l'impatto della violenza sull'accesso dei bambini a un sistema sanitario già in crisi, sostenuto da forniture essenziali dell'UNICEF. Nell'area metropolitana di Port-au-Prince, tre donne e bambini su quattro non hanno accesso agli interventi sanitari e nutrizionali di base.

Ospedali vandalizzati e strutture sanitarie chiuse

A Port-au-Prince, gli ospedali sono stati vandalizzati e costretti a chiudere per motivi di sicurezza. Sono disponibili solo due strutture chirurgiche funzionanti, il che pone notevoli problemi nel fornire assistenza chirurgica alla popolazione, compresi i feriti nel fuoco incrociato.

"La chiusura di strutture sanitarie a causa di problemi di sicurezza ad Haiti rappresenta una situazione terribile per i bambini, dove ogni centro sanitario chiuso significa vite a rischio e cure mediche essenziali negate", ha dichiarato Maes. "Se non si riesce a fermare la violenza e a riaprire le rotte logistiche essenziali, la crisi sanitaria si aggraverà in modo significativo. Stiamo assistendo a una catastrofe umanitaria e ci rimane poco tempo per invertire la rotta".

In tutto il Paese, sei ospedali su dieci non funzionano e devono far fronte a problemi come la carenza di elettricità, carburante e forniture mediche, con un grave impatto sui bambini che necessitano di cure mediche d'emergenza, soprattutto a Port-au-Prince. Una carenza critica di emoderivati sta ostacolando gli interventi chirurgici, compresi quelli per le persone ferite nel fuoco incrociato.

Nel 2024, il piano dell'UNICEF per Haiti prevede di continuare a potenziare la risposta umanitaria, aumentando l'accesso ai servizi di base e contribuendo a mantenerli attivi. L'UNICEF mira a raggiungere almeno 650.000 bambini e donne con servizi sanitari di base.

I finanziamenti flessibili ci aiuteranno a proteggere un maggior numero di bambini e comunità bisognose oggi e a costruire sistemi più resilienti per proteggere i bambini in futuro. Restiamo impegnati a fornire aiuti nonostante le realtà in continuo cambiamento sul campo, anche nelle aree più difficili da raggiungere e in quelle più impegnative", ha concluso Maes.

18/03/2024

News ed Aggiornamenti

Dona 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama