Haiti, i bambini rappresentano quasi la metà dei 1.700 casi sospetti di colera

3 minuti di lettura

26/10/2022

Dall'inizio dell'epidemia di colera ad Haiti, i bambini sotto i 14 anni rappresentano quasi la metà dei 1.700 casi sospetti. La violenza delle gang, la mancanza di carburante e i blocchi stradali stanno ostacolando l'accesso umanitario all'acqua potabile e ai servizi sanitari per i pazienti, aumentando il rischio che donne e bambini muoiano a causa della malattia.

"Quando non puoi avere acqua potabile sicura dal rubinetto di casa tua, quando non hai sapone o pastiglie per purificare l'acqua e non hai accesso ai servizi sanitari, potresti non sopravvivere al colera o ad altre malattie trasmesse dall'acqua. L'impatto devastante delle restrizioni sul carburante e della violenza ha reso i bambini le principali vittime dell'epidemia", ha dichiarato Bruno Maes, rappresentante dell'UNICEF ad Haiti.

Al 22 ottobre, il Ministero della Salute ha segnalato 1.752 casi sospetti e 40 decessi di colera ad Haiti, con quasi la metà dei casi nell'area urbana e povera di Cité Soleil, nella capitale. Si teme che il numero reale sia significativamente più alto a causa di una sotto-segnalazione.


Un ostacolo all'accesso umanitario

Mentre la malattia trasmessa dall'acqua si diffonde in tutta Haiti, i centri sanitari, compresi quelli con centri per il trattamento del colera, hanno un accesso limitato al carburante per operare normalmente, poiché le gang armate hanno bloccato l'accesso al porto principale di Haiti e ai terminali di carburante.

Molti operatori sanitari e famiglie che potrebbero contrarre il colera hanno difficoltà a trovare percorsi sicuri per raggiungere le strutture sanitarie, a causa dell'insicurezza e degli alti costi di trasporto. Anche quando raggiungono un servizio sanitario, è probabile che questo sia privo di elettricità, poiché non c'è carburante per far funzionare il generatore. Anche i camion dell'acqua, la principale fonte di acqua sicura per molte aree di Haiti, non possono raggiungere i quartieri poveri dove i rifiuti solidi si accumulano nelle strade.

Sono necessari circa 70.000 galloni di carburante per alimentare 9 dei 16 centri di trattamento per il colera di Port-au-Prince e alcuni ospedali partner. Finora, l'UNICEF è riuscito ad assicurarne solo un terzo. L'accesso del personale sanitario ai casi sospetti nelle comunità è una sfida importante, che impedisce di seguire, monitorare e segnalare i casi di colera.

Intensificazione degli sforzi per contenere il colera

In coordinamento con le autorità nazionali e i partner, l'UNICEF ha intensificato gli sforzi per contenere il colera fornendo:

  • 6.000 galloni di gasolio per aumentare la distribuzione dell'acqua tramite camion o pompe d'acqua e per sostenere il funzionamento dei centri di trattamento e dei servizi sanitari;
  • 3.600 kg di HTH (cloro) per sostenere la DINEPA nella clorazione dei punti d'acqua nelle aree a rischio e nei centri di trattamento e per clorare l'acqua da bere;
  • 71 kit medici per il trattamento di circa 1.500 casi di diarrea acquosa acuta e 14 letti d'ospedale nei centri di trattamento;
  • 500.000 kit di compresse, saponi e soluzioni orali per la purificazione dell'acqua;
  • 20.000 persone che vivono nelle aree colpite hanno ricevuto messaggi di prevenzione mirati per adottare comportamenti e pratiche per ridurre la trasmissione della malattia e il suo impatto, mentre i partner radiofonici hanno trasmesso spot a Port-au-Prince e in tutto il Paese.


Per potenziare la risposta all'epidemia di colera ad Haiti, l'UNICEF ha lanciato un appello preliminare di 22 milioni di dollari. Ad oggi, questo appello rimane non finanziato per l'82%.

26/10/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama