Haiti, UNICEF e WFP: 4,9 milioni di persone lottano ogni giorno per mangiare. Oltre 115.000 bambini sotto i 5 anni soffriranno di malnutrizione potenzialmente letale

5 minuti di lettura

21/06/2023

I vertici dell'UNICEF e del WFP hanno concluso oggi le missioni ad Haiti, chiedendo un sostegno molto maggiore per i bambini e le famiglie altamente vulnerabili che devono affrontare la violenza dilagante, i disastri naturali mortali e la recrudescenza del colera.

"La crisi della fame ad Haiti è invisibile, inascoltata e non affrontata. La violenza e gli shock climatici occupano i titoli dei giornali, ma non si sente parlare altrettanto dei 4,9 milioni di haitiani che lottano per mangiare ogni giorno", ha dichiarato il Direttore esecutivo del WFP Cindy McCain. "Pro capite, la percentuale di haitiani che affrontano livelli di insicurezza alimentare di emergenza è la seconda più alta al mondo: non possiamo abbandonarli".

"I bisogni umanitari sono oggi persino maggiori che dopo il devastante terremoto del 2010, ma con molte meno risorse per rispondere", ha dichiarato il Direttore generale dell'UNICEF Catherine Russell. "Ho visto e sentito come i bambini e le famiglie haitiane stanno superando sfide insormontabili e non si arrendono. Nel momento di maggior bisogno del Paese, nemmeno la comunità internazionale dovrebbe arrendersi"

Un sostegno umanitario urgente

Complessivamente, 5,2 milioni di persone necessitano di un sostegno umanitario urgente, tra cui quasi 3 milioni di bambini. Circa 4,9 milioni di persone stanno lottando per sfamarsi e si prevede che quest'anno oltre 115.000 bambini sotto i cinque anni soffriranno di malnutrizione potenzialmente letale, con un aumento del 30% rispetto all'anno scorso. Il sistema sanitario è quasi al collasso, le scuole sono state attaccate da gruppi armati e i civili sono terrorizzati e privati dei mezzi di sussistenza. Nei quartieri più pericolosi della capitale, donne e bambini subiscono livelli sconcertanti di violenza sessuale. Le alluvioni mortali e il terremoto di giugno hanno ricordato la vulnerabilità di Haiti ai cambiamenti climatici e ai disastri naturali.

Russell e McCain hanno incontrato il Primo Ministro Ariel Henry e altri funzionari governativi e hanno visitato una scuola sostenuta dall'UNICEF e dal WFP.

Nella città di Jérémie, McCain ha incontrato agricoltori e produttori alimentari che forniscono cibo coltivato ad Haiti per le scuole e ha interagito con persone che ricevono aiuti mensili in denaro nell'ambito di un programma di rete di sicurezza sociale. Ha inoltre visitato un centro per la preparazione degli alimenti a Port-au-Prince, dove il WFP e i suoi partner forniscono pasti caldi che vengono trasportati quotidianamente nelle scuole delle aree colpite dalla violenza armata a Cité Soleil

Un emergenza sottofinanziata

Russell, che è stata recentemente nominata Principal Advocate for Haiti per l'Inter-Agency Standing Committee, un organismo collettivo di alti dirigenti umanitari, ha visitato un sito per le famiglie sfollate dalle loro case a causa della violenza, dove l'UNICEF sostiene una clinica sanitaria mobile. Ha inoltre parlato privatamente con i bambini e le donne sopravvissuti a violenze sessuali perpetrate dai gruppi armati e con un centro nutrizionale dove i bambini colpiti da malnutrizione acuta grave ricevono cure terapeutiche salvavita con il sostegno dell'UNICEF.

Nonostante l'ampiezza dei bisogni, è stato finanziato solo il 23% dei 720 milioni di dollari necessari per la risposta delle Nazioni Unite nel 2023. Il WFP ha bisogno di 330 milioni di dollari per raggiungere l'obiettivo di assistere 2,3 milioni di persone nel 2023, mentre l'UNICEF chiede 246 milioni di dollari per raggiungere 1,7 milioni di bambini quest'anno.

Russell e McCain hanno chiesto finanziamenti tempestivi e flessibili che possano essere rapidamente indirizzati dove i bisogni sono più urgenti.

Un paese che non sarà mai in pace

"Haiti non sarà mai in pace se quasi la metà della popolazione soffre la fame. Con la pace arriva la speranza di avere un buon piatto di cibo in tavola e un futuro migliore", ha dichiarato il Direttore esecutivo del WFP. "Non possiamo aspettare che gli haitiani muoiano di fame prima di agire, dobbiamo finanziare il futuro di Haiti, oggi".

Russell ha sottolineato l'urgenza di una risposta umanitaria più robusta per coloro che ne hanno più bisogno, il ripristino dei servizi di base e soluzioni di sviluppo a lungo termine. Il settore pubblico e privato e le istituzioni finanziarie internazionali devono aumentare il loro sostegno ad Haiti con un rinnovato senso di urgenza.

"La gente ad Haiti è in perenne modalità di sopravvivenza, senza alcuna rete di sicurezza", ha dichiarato Russell. "La comunità internazionale può contribuire a creare i requisiti di base di cui le famiglie haitiane ci dicono di aver bisogno, come la salute, l'istruzione, i servizi sociali e di protezione. Soprattutto, mi hanno detto che hanno un disperato bisogno di porre fine alla violenza e all'insicurezza"

21/06/2023

News ed Aggiornamenti

Dona 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama