Il canto di un bambino è più forte del rumore delle bombe

6 minuti di lettura

21/06/2022

Un pezzo di legno al posto di una chitarra, un cortile in un piccolo paese invece del palcoscenico, l’intera Ucraina al posto della platea.

La prima performance di Leo, 3 anni, proveniente da Irpin, è stata più o meno così. La musica è diventata una fonte di gioia durante la guerra e l’evacuazione che ha subito insieme alla sua famiglia. Grazie ai social media, questa passione ha risollevato lo spirito di milioni di ucraini.

Proprio così. Questo bambino che canta ha raggiunto il milione di spettatori.
Ecco il video su Youtube mentre canta "Oy, u luzi chervona kalyna” (in italiano: "Oh, il viburno rosso nel prato"), una canzone popolare ucraina.

Questo video solare, con Leo che canta allegro, è stato girato dopo i bombardamenti, il pericolo, la fuga.

Canticchiava tutto il tempo, così una volta ho deciso di fare un video: è diventato popolare e ha rallegrato tanti ucraini.

Oleksandr, il padre di Leo

Oleksandr e sua moglie incoraggiano i figli a suonare per distrarli dagli orrori della guerra

“La cosa più spaventosa è quando senti le esplosioni” dice il piccolo Leo, di 3 anni.

Suo fratello Elvin, di 8, aggiunge “Io penso che la cosa più spaventosa sia quando le persone muoiono”.

Dialoghi non comuni per bambini della loro età: i due fratellini parlano spesso della guerra, da quando gli scontri sono iniziati nella loro città.

La famiglia in precedenza viveva in un appartamento ad Irpin, in una casa che ora risulta per metà distrutta. I genitori hanno pensato di iscrivere Elvin ad una scuola di musica e stavano cercando per lui una chitarra. Tutti i loro piani sono saltati, nel momento in cui sono iniziate le esplosioni, il 24 febbraio scorso.

“Prima siamo sfollati verso Dacha, ma neanche quello è risultato un posto sicuro: c’erano aerei da combattimento in volo ed esplosioni, quindi abbiamo realizzato che avremmo dovuto andare oltre. Non sapevamo dove, però” ricorda il padre Oleksandr.

Genitori e figli sono scappati nell'oblast di Kmelnitsky, dove hanno trovato un alloggio temporaneo in un villaggio. Ma lo sconvolgimento che hanno vissuto durante l'evacuazione ha avuto un impatto psicologico sul comportamento dei ragazzi.

Sembrano felici, ma a ben guardare qualche cambiamento c'è stato

“Abbiamo notato che Leo ogni tanto è accigliato, perso nei suoi pensieri, mentre Elvin è diventato molto emotivo”.

Hanna, la loro mamma, ha osservato che i bambini sono cambiati molto negli ultimi due mesi: “Leo è diventato più indipendente, mentre Elvin sta diventando molto responsabile”.

Per aiutarli a distrarsi dalla nostalgia di casa e dalla paura del pericolo, i genitori cercano di arricchire ogni giornata con attività creative.

La famiglia ascolta musica regolarmente. Oleksandr insegna a Elvin come suonare la chitarra. Leo si è costruito delle bacchette con i rami e arrangia allegramente dei concerti per tacchini e capre, fuori al pascolo.

Anche lungo la strada, durante l'estenuante evacuazione da una regione pericolosa, la famiglia ha ascoltato musica e cantato canzoni ucraine.

I bambini hanno un disperato bisogno di attenzioni

“Siamo rimasti molto colpiti quando il video di Leo ha ricevuto così tante visualizzazioni, è molto insolito per noi” dice Hanna sull’inaspettata popolarità del figlio. Una volta che il video è diventato virale, a Leo è stato chiesto di partecipare a un concerto di beneficienza "I vse bude dobre" (ogni cosa andrà bene), il cui intento era quello di aiutare i bambini colpiti dalla guerra.

Così Leo è diventato probabilmente il più giovane volontario ucraino di sempre, perché ha voluto fare qualcosa di buono per i suoi coetanei e per la pace.

La madre dice che, anche se è troppo piccolo per capire quanto è diventato famoso, lui è comunque molto felice di cantare quello che gli piace. E si sente importante quando le persone lo riconoscono e gli dicono parole gentili. 

“Qui sono diventato amico degli animali" dice Leo "Durante questo periodo ho visto le persone buone che ci sono in Ucraina. Ma ora gioco con capre e tacchini, e canto”. 

I bambini si trovano bene in campagna, perché possono trascorrere il tempo in mezzo alla natura. Ma l’intera famiglia ha nostalgia di casa e del senso di sicurezza nel futuro.

“Voglio tornare a presto ad Irpin. Sogno che l’Ucraina torni in pace, così potrò andare alla scuola di musica”, racconta Elvin.

Ma la famiglia non sa ancora quando sarà sicuro tornare a Kiev. Quindi i genitori spiegano ai loro figli quanto sia pericolosa la guerra e quali sono le conseguenze. Allo stesso tempo però cercano di far vivere loro un’infanzia serena, attraverso la creatività e il calore famigliare.

Il consiglio per i genitori ucraini, in questo periodo difficile, è di non lasciare i propri figli immersi nei loro pensieri e nelle proprie emozioni, non lasciarli troppo a lungo con tablet e smartphones. Hanno bisogno delle nostre attenzioni, di essere accuditi.

I genitori di Leo e Elvin

L'azione dell'UNICEF

Mentre la guerra in Ucraina entra nel suo quarto mese, l’UNICEF continua a fornire assistenza a migliaia di bambini e alle loro famiglie, incluso supporto psicologico e servizi sociali.

Dal 24 febbraio, l’UNICEF e suoi partner hanno raggiunto oltre 600 mila bambini e caregiver con supporto psicosociale e servizi sulla salute mentale basati su un approccio comunitario, mentre almeno 50 mila bambini hanno beneficiato di assistenza specialistica attraverso la gestione dei casi e il rinvio a servizi di supporto. Inoltre, negli ultimi 100 giorni di guerra quasi 300.000 bambini sono stati raggiunti con materiali per l’apprendimento forniti dall'UNICEF e 185.000 bambini sono stati coinvolti in servizi di educazione formale o informale. 

Per maggiori informazioni, visita la pagina Emergenza Ucraina.

21/06/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama