In difesa dei bambini "invisibili"

2 minuti di lettura

31/05/2015

Corrispondenza dalla Giordania di Paolo Rozera, Direttore generale dell'UNICEF Italia

Speciale Siria: news, video, foto e informazioni sull'azione umanitaria dell'UNICEF per i bambini siriani

30 maggio 2015 - Oggi abbiamo incontrato Lucio Melandri, responsabile per le emergenze di UNICEF Giordania. La situazione di migranti e rifugiati qui è molto complessa. 

Oltre a quelli che vengono registrati nei campi (almeno 650.000, di cui la metà bambini) ci sono quelli "invisibili" che dai campi sono scappati o che sono riusciti a passare illegalmente il confine siriano.

Importante il ruolo della Giordania nello scacchiere dell'equilibrio della crisi in corso. Una Giordania stabile garantisce un equilibrio, anche se precario. E fondamentale è il ruolo di advocacy dell'UNICEF.
 
Grazie alle sue relazioni consolidate con il governo e con le istituzioni militari, l'UNICEF riesce a far passare il confine ai bambini feriti o comunque in situazioni di grave pericolo. 

I controlli del governo sono sempre più complessi al confine e in generale nel paese, per il timore di attentati. Questo complica il lavoro dell'UNICEF.

Il dato più agghiacciante è che di tutti i rifugiati, richiedenti asilo e migranti, più della metà sono bambini.
 
L'UNICEF garantisce loro istruzione, "Child-friendly Space" [Spazi protetti in cui giocare e socializzare] e assistenza sanitaria.

Andrea Iacomini, portavoce dell'UNICEF Italia, con una bambina siriana rifugiata in Giordania - ©UNICEF Italia/2015

Come al solito si collabora molto con altre ONG (organizzazioni non governative).

In particolare, oggi raggiungeremo un ospedale di Medici Senza Frontiere dove è molto stretta la collaborazione con l'UNICEF per la cura dei bambini che hanno appena superato il confine.
 
 


31/05/2015

News ed Aggiornamenti

Chiama Ora il 800 91 42 49 e dona 9 euro al mese!

Chiama