Nuovo Rapporto: razzismo e discriminazione contro i bambini sono ancora molto diffusi

7 minuti di lettura

19/11/2022

Secondo un nuovo rapporto dell'UNICEF pubblicato in occasione della Giornata Mondiale dell'Infanzia e dell'Adolescenza (20 novembre), razzismo e discriminazione contro i bambini sulla base della loro appartenenza etnica, linguistica e religiosa sono diffusi nei paesi in tutto il mondo.

Rights denied: The impact of discrimination on children (Diritti negati: l'impatto della discriminazione sui bambini) mostra quanto il razzismo e la discriminazione colpiscano l'istruzione, la salute, l'accesso alla registrazione alla nascita e a un sistema giudiziario giusto ed equo e sottolinea le diffuse disparità fra minoranze e gruppi etnici.
  • Lettura - Tra i nuovi risultati, il rapporto mostra che i bambini appartenenti a gruppi etnici, linguistici e religiosi emarginati, in un'analisi su 22 Paesi, sono molto indietro rispetto ai loro coetanei nelle capacità di lettura. In media, gli studenti di età compresa tra i 7 e i 14 anni appartenenti al gruppo più avvantaggiato hanno più del doppio delle probabilità di avere competenze di base nella lettura rispetto a quelli del gruppo meno avvantaggiato.
  • Registrazione alla nascita - Un'analisi dei dati sui tassi di bambini registrati alla nascita - prerequisito per l'accesso ai diritti di base - ha rilevato significative disparità fra i bambini di differenti religioni e gruppi etnici. Per esempio, nella Repubblica Popolare democratica del Laos, solo il 59% dei bambini sotto i 5 anni appartenenti alla minoranza del gruppo etnico dei Mon-Khmer è stato registrato alla nascita, rispetto all'80% dei bambini appartenenti all'etnia dei Lao-Thai.

Razzismo e discriminazioni aggravanole privazioni e la povertà

"Razzismo e discriminazione sistematici espongono i bambini a rischio di privazioni ed esclusione che possono durare tutta la vita", ha dichiarato Catherine Russell, Direttore generale dell'UNICEF. "Ciò colpisce tutti noi. Proteggere i diritti di tutti i bambini - chiunque siano e da ovunque provengano - è il modo più sicuro per costruire un mondo più pacifico, prospero e giusto per ognuno".

La discriminazione e l'esclusione aggravano le privazioni e la povertà intergenerazionale e causano risultati peggiori in termini di salute, nutrizione e apprendimento per i bambini, una maggiore probabilità di incarcerazione, tassi più elevati di gravidanza tra le ragazze adolescenti e tassi di occupazione e di guadagno più bassi in età adulta.

Mentre il COVID-19 ha messo in luce profonde ingiustizie e discriminazioni in tutto il mondo, e gli impatti del cambiamento climatico e dei conflitti continuano a rivelare disuguaglianze in molti Paesi, il rapporto evidenzia come la discriminazione e l'esclusione persistano da tempo per milioni di bambini appartenenti a gruppi etnici e minoritari, anche per quanto riguarda l'accesso alle vaccinazioni*, ai servizi idrici e igienici e a un sistema giudiziario equo.

Ad esempio, nelle politiche scolastiche degli Stati Uniti, i bambini con carnagione più scura hanno probabilità quasi quattro volte maggiori di ricevere sospensioni senza frequenza scolastica rispetto ai bambini di carnagione più chiara e più del doppio di subire arresti legati alla scuola, si legge nel rapporto.

Quando sono in gioco i diritti dei bambini, può esserci una sola squadra: quella che li tutela.

La squadra di cui noi facciamo tutti parte. Non c'è spazio per discriminazioni, violenza o conflitti. In questa Giornata mondiale dell'Infanzia e dell'Adolescenza, che coincide con l'avvio dei Mondiali di calcio in Qatar, l'UNICEF lancia questo videomessaggio, che vede bambini da ogni parte del mondo a fianco di star presenti e passate del calcio internazionale, del calibro di David Beckham, Cafu, Robert Lewandowski, Sergio Ramos e Andriy Shevchenko.

I dati del rapporto

Il rapporto evidenzia anche come i bambini e i giovani sentano il peso della discriminazione nella loro vita quotidiana. Un nuovo sondaggio di U-Report**, che ha raccolto più di 407.000 risposte, ha rilevato che quasi due terzi dei rispondenti ritiene che la discriminazione sia comune nel loro ambiente, mentre quasi la metà ritiene che la discriminazione abbia avuto un impatto significativo sulla loro vita o su quella di qualcuno che conoscono.

"Nella Giornata Mondiale dell'Infanzia e dell'Adolescenza e ogni giorno, ogni bambino ha il diritto di essere incluso, protetto e avere uguali possibilità di raggiungere il proprio potenziale", ha continuato Russell. "Tutto noi abbiamo il potere di combattere le discriminazioni di bambini - nei nostri paesi, nelle comunità, nelle scuole, a casa e nei nostri cuori. Dobbiamo usare questo potere".

Altri dati del sondaggio

- Il 63% degli intervistati afferma che la discriminazione è comune nei loro ambienti, come la scuola, la comunità o il posto di lavoro.
- L'origine nazionale (20%), l'età (17%) e l'identità di genere (15%) sono i principali motivi di discriminazione.

  • Una percentuale maggiore fra gli intervistati più giovani dichiara che l'età è il motivo principale di discriminazione. Gli intervistati meno giovani citano l'origine nazionale e l'istruzione/reddito come motivi principali di discriminazione.
  • Una percentuale maggiore di intervistati provenienti dall'Asia orientale e dal Pacifico e dal Medio Oriente e Nord Africa indica il livello di istruzione o di reddito come il principale motivo di discriminazione. Gli intervistati del Nord America citano il colore della pelle come motivo principale.

- Di fronte alla discriminazione, più di un terzo degli intervistati si è impegnato duramente per dimostrare che la persona che li ha discriminati si sbaglia

NOTE:
* Uno studio del 2022 su 64 Paesi ha rilevato che i bambini appartenenti a gruppi etnici minoritari hanno tassi di vaccinazione più bassi in oltre la metà dei Paesi. In cinque Paesi si sono registrati divari di 50 punti percentuali o più. I bambini appartenenti a un gruppo etnico maggioritario avevano una percentuale di zero dosi inferiore del 29% rispetto agli altri gruppi etnici dello studio. Lo studio ha anche rilevato che i bambini appartenenti al gruppo etnico maggioritario di un Paese tendevano ad avere una percentuale di zero dosi inferiore rispetto al resto della popolazione. Le disparità riscontrate nei servizi di vaccinazione sono simili anche in altri servizi sanitari per i bambini

** una piattaforma che consente ai giovani di tutto il mondo di esprimersi sulle questioni che li riguardano.

Documenti disponibili

Rights denied discrimination children (in inglese)pdf / 6.05 Mb

Download

19/11/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama