Ospedale di Keren: quando le cure a casa non bastano

3 minuti di lettura

07/10/2010

di Patrizia Paternò

Geneger, di 11 mesi, è l’ultimo nato della giovane Annama, che ha 28 anni e altri sei figli. È stato ricoverato all’Ospedale di Keren, capoluogo della regione di Anseba, dove lo avevano indirizzato i medici del vicino Centro sanitario di Hagaz a causa di una forte diarrea.


All’ospedale di Keren infatti le condizioni del bambino appaiono subito serie per il suo stato di malnutrizione acuta. Annama l’ha allattato al seno fino a sei mesi ma, come per tante altre madri che non hanno la possibilità di seguire una corretta alimentazione, il suo latte si è rivelato insufficiente e nei mesi successivi la situazione è anche peggiorata.

Terapia a base di latte

Insieme a lui ci sono altri bambini ricoverati per malnutrizione, spesso combinata con altre patologie che aggravano la condizione dei piccoli pazienti. In questi casi viene immediatamente somministrato latte terapeutico, che permette ai bambini di recuperare peso in poche settimane.
Il latte terapeutico in polvere F75 viene utilizzato per la cura dei casi di malnutrizione acuta grave. Nella sua miscela vengono aggiunti grassi vegetali, carboidrati, vitamine e minerali per una dieta liquida efficace. In genere il protocollo OMS prevede la somministrazione di F75 otto volte al giorno per un periodo di circa tre giorni. Questo latte è altamente digeribile ed è formulato per l'alimentazione iniziale perché specificamente adatto ai bambini piccoli che presentano uno stato fisiologico di grande fragilità a causa di malnutrizione e di altre patologie.

Non è destinato a favorire l'aumento del peso, tant’è vero che superata la fase iniziale di trattamento con F75 si passa alla terapia con F100 che è più ricco e più facilmente assimilabile una volta superata la fase critica del ricovero.

L’ospedale di Keren è uno dei 22 presenti in Eritrea. A differenza dei centri sanitari, che nel paese sono circa una cinquantina e si occupano delle prime cure e dei ricoveri, e degli oltre 200 punti sanitari nei quali non c’è personale medico e non è possibile il ricovero, negli ospedali vengono trattati i casi più importanti di malnutrizione infantile e di altre malattie, quando ad esempio sono necessarie trasfusioni o interventi chirurgici.

Ci sono parecchi bambini qui come Momed che a un anno pesa sei chili o Alina, una bimba di un anno che oltre a essere malnutrita è anemica e ha bisogno di trasfusioni. Dorme mente Ruth ed Elsa, le infermiere, le si avvicinano per controllare che sia tutto a posto.

Leggi la quinta e ultima parte del reportage

07/10/2010

News ed Aggiornamenti

Chiama Ora il 800 91 42 49 e dona 9 euro al mese!

Chiama