Patrizio Rispo - In missione con l'UNICEF ad Haiti / 3

3 minuti di lettura

23/10/2007

La missione di padre Stra
Padre Stra, responsabile del centro Lakou per bambini di strada a Port-au-Prince

Padre Stra, responsabile del centro Lakou per bambini di strada a Port-au-Prince - ©UNICEF Italia/2007/S.Bucci

Secondo giorno (prosegue) - Un'altra cosa che ho compreso meglio, è che l'UNICEF lavora sempre con altre organizzazioni, spesso organizzazioni non governative (ONG) locali o che comunque, anche se internazionali, sono ben radicate sul territorio.
 
Nel senso che conoscono bene la gente del posto e soprattutto parlano la loro lingua, il creolo haitiano, un francese musicale infarcito di parole di origine africana, che a me suona quasi familiare.

Buffo è sentirlo pronunciato con accento veneto, quello di padre Stra, indomito salesiano dal 1957 qui "in prima linea". Gestisce un centro di accoglienza per bambini di strada - nella capitale ce ne sono più di 2.000 -, bimbi abbandonati al loro destino a meno che qualcuno, come questo religioso e il suo gruppo di volontari, non se ne faccia carico.

Qui al centro Lakou i bambini trovano un tetto dove dormire, un'assistenza sanitaria e la possibilità di imparare un mestiere ma anche ascolto e gioco che ha questa età rappresentano sempre una buona medicina.

Ci intratteniamo, Ilenia e io, con tutti i ragazzi e le ragazze che stanno seguendo i loro atelier di formazione. Molte ragazze fanno le parrucchiere e stanno facendo pratica le une sulle altre.
 
Prendiamo in giro Maria Vittoria, una giovane italiana che lavora all'UNICEF Haiti e che ci accompagnerà per tutta la durata del soggiorno, perché ha i capelli cortissimi e non può fare alcuna acconciatura di bellezza.

L'importanza di una seconda chance

Patrizio Rispo tra i ragazzi del centro Lakou

Patrizio Rispo tra i ragazzi del centro Lakou - ©UNICEF Italia/2007/S.Bucci

Accanto a queste ragazze, alcune già mamme, c'è il nido che accoglie i piccolini. Ci salutiamo con una bella foto di gruppo; c'è allegria qui intorno anche se i volti di molti ragazzini raccontano la loro storia.
 
Quello che ho capito che c'è sempre una seconda chance nella vita. O che quanto meno dovrebbe esserci e che fare del bene, fosse anche solo a pochi bambini, è un segnale importante, per tutti.
 
Padre Stra, che nel giro del centro saltella appoggiandosi a una stampella perché si è fatto male a una caviglia, ci racconta di quando nel periodo più violento di Haiti, venne sequestrato da una gang militare.

«Quando arrivai al cospetto del capo banda, questi cominciò a inveire contro i suoi uomini: 'Ma questo è padre Stra, rilasciatelo subito', ordinò. Era uno dei tanti ragazzini di strada che aveva frequentato il mio centro e ne conservava un buon ricordo. Magari non è diventato uno stinco di santo, ma almeno mi ha rimandato a casa.»

L'immagine di padre Stra che ci saluta senza malinconia, ma già di nuovo nella sua realtà, abbracciato a ridere con i suoi bambini e indifferente al nostro allontanarci, mi convince sempre più che il suo non è lavoro,ma è una missione vera.

Il diario di viaggio - IV parte

23/10/2007

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800914249

Chiama