Repubblica Centrafricana, i saccheggi ostacolano gli aiuti per l'infanzia

3 minuti di lettura

01/04/2013

A causa dei saccheggi e dell'insicurezza del conflitto nella Repubblica Centrafricana, 2 milioni di bambini non hanno accesso ai servizi sociali di base e sono esposti alla violenza. Ancora più bambini ne saranno privati, se la situazione nel paese non si stabilizza rapidamente.

Una settimana dopo la conquista del paese da parte della coalizione Seleka, l'UNICEF avverte che le condizioni di insicurezza impediscono agli aiuti umanitari di raggiungere i bambini, con effetti che potrebbero essere fatali.

«I bambini della Repubblica Centrafricana erano tra i più vulnerabili del continente già prima del recente acuirsi dei combattimenti» afferma Manuel Fontaine, direttore UNICEF per l'Africa centro-occidentale. «È indispensabile che sia garantito accesso completo e sicuro alle comunità colpite dal conflitto. Ogni giorno perso, ogni consegna di aiuti che viene impedita e ogni scorta di beni che viene derubata, aumenta le possibilità che dei bambini possano morire». 

Dal 24 marzo, giorno della conquista della capitale Bangui e dei successivi saccheggi, l’UNICEF stima che almeno 4,1 milioni di persone – di cui quasi la metà bambini- , sono direttamente colpiti dalla crisi. Dalla fine di dicembre 2012, ben 1,2 milioni di persone (600mila dei quali bambini) sono tagliate fuori dai servizi essenziali.
 

La piaga dei saccheggi

In due assalti (rispettivamente il 24 e il 27 marzo), 10 tonnellate di aiuti di prima necessità per un valore di 450.000 dollari sono stati rubati dal magazzino centrale dell'UNICEF. I beni, destinati a 30.000 persone tra le più vulnerabili, in particolare bambini e donne, includevano  kit per l'acqua, coperte, zanzariere, teli di plastica e farmaci essenziali. 

«I bisogni e i diritti dei bambini devono essere la priorità per il nuovo governo» ribadisce Souleymane Diabate, Rappresentante UNICEF nella Repubblica Centrafricana.  «È fondamentale per l'UNICEF e per le altre organizzazioni umanitarie essere in grado di operare in un ambiente sicuro e in cui vi sia accesso a tutta la popolazione.»
 
«Per ogni giorno in cui non siamo in grado di fornire aiuto dove è necessario, il rischio di malattie ed epidemie aumenta. In che modo la Repubblica Centrafricana può andare avanti, se aiuti umanitari essenziali vengono rubati dalle persone che ne hanno più bisogno?»
 
L'UNICEF esorta tutte le parti in conflitto a cessare immediatamente il saccheggio di aiuti umanitari, per garantire un accesso libero e sicuro degli operatori umanitari a chi ne ha bisogno, e di garantire che tutte le parti coinvolte rispettino i principi umanitari, i diritti umani e la legge.
 
«È giunto il momento per la coalizione Seleka che ha preso il potere, di dimostrare quanto sinceramente aderisca al rispetto dei principi umanitari e dei diritti umani per tutti i cittadini del Centrafrica", ha concluso Manuel Fontaine.

***
L’UNICEF ha lanciato un appello umanitario da 18,3 milioni di dollari, necessari per fornire aiuti immediati essenziali alle famiglie colpite dal conflitto. Al momento, questo appello è stato finanziato per il 39% della somma richiesta,

01/04/2013

News ed Aggiornamenti

Chiama Ora il 800 91 42 49 e dona 9 euro al mese!

Chiama