Storia di Gerline, rimasta paralizzata nel terremoto di Haiti. Tanti come lei sono senza casa, senza risorse, senza un riparo dalla tempesta

7 minuti di lettura

31/08/2021

Quando la terra ha tremato, Gerline Vilsaint si trovava in casa con il figlio di 7 mesi e sua sorella minore.

“Le lastre di cemento erano crollate su se stesse. Quando sono arrivato ho urlato i loro nomi. Mi hanno risposto dalle macerie, così sono andato a chiedere aiuto ai vicini. Per prima cosa hanno tirato fuori il bambino. Ma era già morto” Jackson Telamo, marito di Gerline, ricorda il pomeriggio del 14 agosto scorso, quando un terremoto di intensità 7.2 ha colpito Haiti.

La moglie di Jackson è stata estratta dalle macerie, paralizzata. Oggi, incapace di muovere gli arti, giace sdraiata su un telo nel cortile dell’Immaculate Conception Hospital (HIC) di Les Cayes, una delle aree più colpite dal terremoto.

Jackson è molto preoccupato. Non riesce a dire sua moglie che il loro bambino è morto.

I dottori mi hanno detto che il caso di mia moglie è troppo complicato per loro, dovrebbe essere curata a Port-au-Prince. Ci hanno prescritto solo una soluzione salina e degli antidolorifici. Se le dicessi che nostro figlio è morto... ne sarebbe sconvolta

Telamo, marito di Gerline

I danni provocati dal terremoto si sommano alle fragilità già presenti ad Haiti

Secondo gli ultimi dati, almeno 2.198 persone sono morte e 12.000 sono rimaste ferite nei dipartimenti di Grand'Anse, Sur e Nippes – l'epicentro del terremoto ad Haiti – anche se il conteggio delle vittime e dei danni cresce ogni giorno che passa. Più di mezzo milione di bambini e di adolescenti sono stati colpiti dal terremoto. La loro condizione è critica, considerando che la situazione umanitaria nel paese era precaria già prima di questa catastrofe, con 4,4 milioni di persone bisognose di assistenza, tra cui 2,2 milioni di bambini.

Le strutture essenziali da cui dipendono i bambini e le loro famiglie sono venute a mancare, tra cui le case, le scuole e gli ospedali. Alcuni hanno perso le loro famiglie, altri sono stati separati durante il caos post scossa. Per le strade, gli escavatori sgomberano le macerie, mentre le persone, munite di ceste rovistano tra ciò che resta delle loro case distrutte in cerca di vestiti e cibo. Le madri con i bambini si riuniscono all’aperto sotto i teloni, per ripararsi dalla pioggia, in un campo di fortuna, senza sapere quando avranno di nuovo un tetto sopra la testa.

Il terremoto ha lasciato 52.953 abitazioni completamente distrutte e altre 77 mila gravemente danneggiate, secondo le ultime stime UNICEF.

La distruzione non ha risparmiato i centri sanitari - che hanno visto massicci arrivi di feriti - mentre gli edifici hanno iniziato a mostrare alcune crepe: 25 strutture sono state parzialmente danneggiate e 5 sono andate distrutte nei 3 distretti più colpiti dal terremoto.

L'arrivo della tempesta tropicale e l'emergenza negli ospedali

Il terremoto è stato seguito dall’arrivo della tempesta tropicale Grace, che ha complicato ulteriormente i lavori di soccorso e l’arrivo degli aiuti a causa di frane e allagamenti. Tutto questo in un paese già afflitto dall'instabilità politica, le violenze e la pandemia da COVID-19.

Fuori, tra le macerie, una ragazza si copre con l’ombrello mentre un’infermiera le fornisce una soluzione salina e suo padre le tiene la mano. I feriti sono accalcati sui letti di ospedale, in mezzo alla strada, coperti da pezzi di stoffa, legati agli alberi e alle colonne degli edifici. Una donna viene trasportata su una tavola di legno per essere visitata da un medico in una tenda di fortuna che funge da presidio sanitario.

“Non sappiamo esattamente quanti pazienti siano stati ricoverati per il terremoto”, afferma il Dott. Pierre Jame, chirurgo presso HIC, uno dei tre maggiori ospedali nell’area.

Abbiamo ricoverato tante donne e tanti bambini. Molti pazienti hanno raggiunto l’ospedale con gli arti amputati, alcuni di loro hanno dovuto sistemarsi sotto portici del centro, all’aperto.

Jean Saint Messeroux, chirurgo e direttore dell’OFATMA Hospital

Una giovane madre assiste sua figlia, tra i feriti dell'ultimo terremoto, presso l'ospedale "Communautaire de Référence" di Port-Salut, Haiti

L'azione dell'UNICEF

In questo contesto, l’UNICEF si immediatamente attivato sul campo per distribuire aiuti essenziali come acqua potabile, kit sanitari, kit per l’igiene personale e teloni per costruire rifugi di emergenza nelle aree più colpite. Abbiamo poi distribuito medicinali e kit di primo soccorso contenenti guanti, antidolorifici, antibiotici e siringhe per curare le oltre 30.000 vittime del terremoto per almeno 3 mesi. Per i bambini, il nostro supporto include l’assistenza psicosociale, coperte, vestiti, kit ricreativi, cibi terapeutici e integratori alimentari pronti all’uso per prevenire le carenze nutrizionali, in un paese che registra tassi allarmanti di malnutrizione.

Evelyne Dominique Chery, a capo delle operazioni UNICEF a Les Cayes, ha affermato che la sinergia con le autorità sanitarie e la rapida risposta da parte dei fornitori privati hanno permesso di  arrivare in tempo: “I materiali sono arrivati la mattina dopo” ha spiegato. 

Secondo le stime dell’UNICEF, c’è bisogno di 15 milioni di dollari per rispondere ai bisogni immediati. I fondi permetterebbero a 385 mila persone, inclusi 167 mila bambini sotto i 5 anni, di ricevere le cure mediche per un periodo di 8 settimane. L’assistenza copre programmi in materia di salute, acqua, servizi igienico-sanitari, protezione dei minori, istruzione, protezione sociale e comunicazione, oltre ai trasferimenti di denaro verso i più vulnerabili.

Non è abbastanza. Questa tragedia arriva 11 anni dopo un altro terremoto di magnitudo 7.1 che aveva colpito proprio la parte sud-est della capitale di Haiti, Port-au-Prince, uccidendo più di 300 mila persone e causando danni incalcolabili che ancora oggi impattano sul paese. Anche questa volta gli haitiani hanno perso tutto e stanno vivendo, letteralmente, con i piedi sott’acqua.

Aiuta i bambini di Haiti

È una lotta contro il tempo per salvare quante più vite possibile. Clicca qui per donare

31/08/2021

News ed Aggiornamenti

Un vaccino anti COVID-19 per tutti con la Rete del Dono

Scopri di più