Salute Mentale e giovani: presentati i risultati del sondaggio realizzato sulla piattaforma U-Report Italia

4 minuti di lettura

14/10/2022

In occasione della Giornata mondiale della salute mentale, celebrata il 10 ottobre scorso, l'UNICEF ha lanciato un sondaggio indicativo rivolto ai giovani sulla piattaforma digitale indipendente U-Report Italia. Le domande erano volte a conoscere il pensiero di i ragazzi e ragazze sul tema della Salute Mentale e del Benessere Psico-Sociale e capire quali sono le sensazioni e le emozioni provate nell'ultimo periodo. 

I risultati dell’indagine rivelano la presenza di disagio ed incertezza ­­fra gli adolescenti, una certa reticenza a cercare aiuto dettata dalla preferenza a rivolgersi ad amici e coetanei e dal timore di essere soggetti a giudizi negativi. La famiglia, le scuole e le istituzioni vengono però visti come punti di riferimento essenziali per non solo per cercare sostegno in caso di necessità ma anche per avere accesso ad informazioni e servizi sulla salute mentale ed il benessere psicosociale.

Di seguito alcuni quesiti significativi, con relative risposte:

  • Come ti sei sentita/o durante le ultime due settimane?
    Sei ragazzi su dieci hanno risposto di sentirsi angosciati o turbati da altri sentimenti negativi
  • Se hai cercato aiuto per sentirti meglio, potresti dirci da chi l'hai ricevuto maggiormente?
    Quattro persone su dieci hanno affermato di non aver ricevuto alcun tipo di supporto
  • Da chi vorresti sentir parlare di più della salute mentale e del benessere psicosociale di bambine/i e adolescenti? 
    Il 66% del campione chiede maggiore attenzione alla salute mentale da scuole e associazioni.

Nota bene

È importante notare che il sondaggio prende in considerazione un campione limitato di rispondenti (195) e che questi numeri rappresentano solo le percezioni dei giovani, non una diagnosi di problemi legati alla salute mentale ed al benessere psicosociale.

Si basano inoltre su una singola domanda e non sulle domande multiple utilizzate nelle ricerche dedicate alla salute mentale e pertanto non possono fornire stime esaurienti della prevalenza. Dal momento che non sono disponibili stime comparabili relative al periodo precedente la pandemia, non è possibile considerare questi dati come un riflesso dell'impatto della pandemia sulla salute mentale dei giovani. 

I dati pubblicati dall’ultimo rapporto UNICEF ‘La condizione dell’Infanzia nel mondo 2021" rivelano che circa il 16% dei ragazzi e delle ragazze fra i 10 e i 19 anni, circa 956.000, soffre di problemi di salute mentale, con una prevalenza in questa fascia d’età maggiore nelle ragazze rispetto ai ragazzi e con una incidenza in aumento con l’età.

Per saperne di più sul tema e sull'azione dell'UNICEF in Italia e nel mondo, vi invitiamo a visitare la sezione Salute Mentale.

La piattaforma U-Report

Ideata e realizzata con il sostegno dell'UNICEF, la piattaforma U-Report è rivolta ai giovani dai 14 ai 30 anni per favorire la loro partecipazione e l'espressione delle loro opinioni. Dal suo lancio in Uganda (nel) ad oggi U-Report si è diffusa in oltre 90 Paesi e conta oggi oltre 25 milioni di partecipanti (U-Reporters) nel mondo.

Da oltre 1 anno la piattaforma è attiva anche nel nostro Paese con oltre 3.000 iscritti provenienti da tutta Italia, distribuiti in maniera equa tra ragazzi e ragazze; la maggior parte degli iscritti è maggiorenne e rappresentata da studenti e studentesse universitarie.

Nel primo anno - tramite la piattaforma - sono stati scambiati oltre 32mila messaggi di ragazze e ragazzi che hanno raccontato la loro idea e i loro interessi. I rispondenti al sondaggio sulle elezioni politiche sono stati 257.

I risultati del sondaggio sono disponibili a questo link

14/10/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama