Un vaccino per ogni bambino

2 minuti di lettura

15/11/2009

I vaccini sono misure sanitarie a basso costo che salvano milioni di vite ogni anno, e la loro diffusione a livello planetario è una delle storie più belle e importanti di cui l'UNICEF è stato, e continua ad essere, protagonista.


Ancora negli anni '70, soltanto un bambino su dieci nel mondo era regolarmente vaccinato contro le principali malattie mortali (poliomielite, morbillo, tubercolosi, difterite, tetano e pertosse) per le quali esisteva una simile protezione. Oggi la copertura vaccinale globale è prossima all'80%, un successo che si misura anche con il numero di vite salvate grazie alle campagne di immunizzazione: circa 20 milioni negli ultimi due decenni.
 
Vaccini di nuova generazione, più efficaci di quelli tradizionali e in grado di colpire infezioni che fino a pochi anni fa non potevano essere prevenute, offrono motivi di ancora maggiori speranze per il futuro.

Eppure, nonostante questi immensi progressi, ogni anno due milioni di bambini continuano a morire a causa di banali malattie, per le quali esiste un vaccino che costerebbe pochi centesimi di euro.

Garantire a ogni bambino l'immunizzazione contro queste malattie attraverso i vaccini attualmente disponibili è una delle sfide che attendono gli Stati nel cammino verso gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (OSM) di qui al 2015.
 
L'UNICEF, che con il 40% del totale è il principale acquirente mondiale di vaccini per l'infanzia, ha raccolto e fatta propria questa sfida.

In questa sezione raccontiamo come funzionano le campagne di vaccinazione, cosa fa l'UNICEF per favorire la diffusione dei vaccini e quali sono gli ostacoli da superare per poter raggiungere il traguardo della copertura vaccinale universale.

15/11/2009

News ed Aggiornamenti

Chiama Ora il 800 91 42 49 e dona 9 euro al mese!

Chiama