Venezuela, storie di insegnanti che si adattano alla pandemia

6 minuti di lettura

20/01/2021

Caracas, Venezuela – Dopo aver trascorso più di 20 anni lavorando come insegnante, Alibert conosce bene gli alti e i bassi della sua professione, incluse le innumerevoli sfide che comporta fornire un'istruzione con una crisi economica e politica in atto. Niente però avrebbe l'avrebbe potuta preparare allo sconvolgimento e all'incertezza provocati dalla pandemia da COVID-19.

In qualità di coordinatrice di una scuola primaria alla periferia di Caracas, Alibert è responsabile di 20 insegnanti che si occupano di circa 500 bambini di età compresa tra 5 e 12 anni. Ma quando le scuole in tutta la regione hanno iniziato a venir chiuse per prevenire la diffusione del COVID-19 nel marzo 2020, lei e i suoi colleghi hanno dovuto affrontare la scoraggiante prospettiva di adattare le classi all'insegnamento a distanza per la prima volta. "Questo approccio non è mai stato utilizzato per bambini così piccoli", dice Alibert. La mancanza di risorse e di una rete Internet stabile hanno aggravato le difficoltà per molte famiglie. 

È un problema comune ad altri paesi dell'America Latina e dei Caraibi.
La chiusura prolungata delle scuole in tutta la regione significa per 137 milioni di ragazzi e ragazze la perdita di un'istruzione regolare. 

È stata una grande sfida raggiungere tutti, arrivare a tutte le famiglie

Alibert, insegnante e coordinatrice di una scuola primaria alla periferia di Caracas

Alibert, con guanti e mascherina, scrive alla lavagna

Per ogni giorno di scuole chiuse rischia di verificarsi una catastrofe generazionale

Dall'inizio della pandemia, la risposta dell'UNICEF si è concentrata sulla collaborazione con i partner, per consentire a bambini e adolescenti di continuare ad apprendere da casa: sono stati forniti un supporto tecnico e operativo, risorse digitali - come gli smartphone - e si è investito sulla formazione degli insegnanti. 

All’interno di questa iniziativa, alla fine di luglio del 2020, 900 insegnanti nello stato di Miranda, dove lavora Alibert, hanno ricevuto cellulari con connessione ad Internet. 

"Stare in contatto con gli studenti e le famiglie è stata una delle sfide più complicate durante la pandemia, ma gli smartphone forniti dall'UNICEF hanno reso le cose più semplici" ha detto Alibert.

Nei paesi dell'America Latina e dei Caraibi

La chiusura delle scuole ha aggravato una situazione già precaria

137milioni

Ragazzi che non accedono a un'istruzione regolare

80milioni

Bambini senza il pasto più importante della giornata

L'UNICEF si è occupa inoltre di formare le scuole riguardo la protezione dei bambini e le strategie educative d'emergenza

“Ora possiamo offrire un sostegno completo non solo ai bambini ma anche ai genitori, che hanno altrettanto bisogno di formazione, per supportare i loro figli nello studio. Gli insegnanti preparano un libro di esercizi settimanale, contenente attività e obiettivi, al quale apportano modifiche in base a come risponde la famiglia del bambino. Si tratta di un lavoro continuo."

Fernando, 17 anni, riceve un pacco alimentare a scuola, alla periferia di Caracas.

Cibo per la mente e per il corpo

Anche Miguel ha dovuto adattarsi, durante la pandemia. Insegna a fare impianti elettrici e carpenteria ai giovani in un centro di formazione alla periferia di Caracas. I suoi studenti provengono in genere da ambienti a basso reddito e vogliono imparare un mestiere per aiutare le loro famiglie. Alcuni non sono riusciti a finire la scuola superiore, ma anche coloro che sono ancora a scuola sono interessati ad apprendere le abilità pratiche offerte dal centro.

"Non ero molto esperto di computer, ma ho imparato", dice. "Non ho uno smartphone, quindi è difficile inviare domande e valutazioni tramite SMS".

Miguel e il resto del team nel centro di formazione hanno creato dei piani di lavoro per gli studenti, che vengono inviati ogni due settimane. Oltre al sostegno scolastico, i partecipanti ricevono mensilmente un pacco alimentare, all’interno di un programma sostenuto dall'UNICEF.

Secondo il World Food Programme, circa 80 milioni di bambini nella regione dell'America Latina e dei Caraibi stanno attualmente perdendo quello che, per molti di loro, è il pasto più importante della giornata, rischiando di andare incontro a carenze nutritive.

In qualità di insegnante, anche Miguel ha ricevuto degli aiuti.
"Ho ricevuto un pacco alimentare e un kit per l'igiene personale contenente gel doccia, sapone, maschera e shampoo", dice. "Ho una figlia di cinque anni, quindi il kit per il cibo è stato come un dono del cielo: ha potuto iniziare a bere latte!"

Molti studenti erano in lacrime la prima volta che hanno ricevuto il pacco alimentare: non se lo aspettavano. Questo tipo di iniziative non ha prezzo

Miguel, insegnante in un centro di formazione

Miguel, insegnante in una scuola a Guatire, Caracas

Per approfondire

Il sostegno agli studenti del Venezuela fa parte del programma Education Cannot Wait, lanciato dall’UNICEF e da altri parner locali, per fornire accesso all'istruzione a milioni di bambini e adolescenti in situazioni di crisi in tutto il mondo.

In Venezuela, il programma si rivolge ai bambini a rischio abbandono scolastico o che sono già fuori del sistema educativo, sostenendoli, monitorando i loro progressi scolastici e fornendo cibo direttamente alle scuole e ai centri comunitari.

Documenti disponibili

EDUCATION ON HOLD: A generation of children in Latin America and the Caribbean are missing out on schooling because of COVID-19pdf / 6.62 Mb

Download

20/01/2021

News ed Aggiornamenti

Un vaccino anti COVID-19 per tutti con la Rete del Dono

Scopri di più