Chi Siamo

Buon 75° compleanno, UNICEF!

1946-2021 - Una storia dalla parte delle bambine e dei bambini

Quella dell’UNICEF è una storia di infanzie negate e ritrovate, di bambini curati e protetti, di bambini salvati. È la storia di quanti risultati si possono ottenere quando si collabora tra governi, individui e comunità e si investe per tutelare i diritti dei più piccoli e vulnerabili.

Nato l’11 dicembre 1946 per aiutare i bambini europei al termine della Seconda guerra mondiale, oggi il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia opera a 360° per la sopravvivenza, la protezione e lo sviluppo dei bambini e degli adolescenti di tutto il mondo, nei paesi in via di sviluppo e in quelli industrializzati.

L'Italia è stata tra i paesi europei che ha maggiormente beneficiato degli aiuti dell'UNICEF nell'immediato dopoguerra. Al lavoro dell'UNICEF di quegli anni va un grande riconoscimento, non solo per avere assicurato il soccorso e gli aiuti ma anche per aver gettato le basi per la costruzione di uno stato sociale moderno, superando i limiti della mera assistenza. Ha cioè favorito e sostenuto le iniziative imprenditoriali e artigianali che hanno permesso al nostro paese di ricostruirsi. L'UNICEF ha aiutato l'Italia – così come molti altri paesi – ad aiutarsi da sé ed è quello che ha continuato a fare in molti paesi del mondo nel corso di questi 75 anni di attività.

Anni di progressi, nuovi obiettivi da raggiungere

Le statistiche testimoniano che sono stati realizzati molti progressi in termini di sopravvivenza e di salute infantile, ma il lavoro da fare è ancora immenso, perché oltre alla sopravvivenza è necessario garantire ai bambini e ai ragazzi protezione, istruzione, opportunità per il futuro.

Oggi l’organizzazione opera in oltre 190 paesi e territori di tutto il mondo dove vivono più di due miliardi di bambini e ragazzi, con programmi di sviluppo nel campo sanitario, dei servizi igienici, delle forniture di acqua, dell’istruzione e dell’assistenza alle madri.

L'UNICEF è in prima linea nelle emergenze umanitarie, non solo con l’invio di aiuti di primo soccorso (alimenti terapeutici per i bambini, kit sanitari e medicinali, tavolette per potabilizzare l’acqua, teli impermeabili e coperte ecc.), ma anche con programmi di sostegno psicologico per i bambini traumatizzati dai conflitti o dalle catastrofi naturali. 

Le calamità naturali, come i conflitti armati e le migrazioni, espongono ulteriormente i bambini ai peggiori rischi di abuso e sfruttamento, soprattutto quando rimangono soli. Secondo le stime più recenti, quasi 250 milioni di bambini – 1 su 9 – vivono in zone e regioni coinvolte da conflitti armati. Dietro questi numeri ci sono storie di enormi sofferenze. 

In Italia

Per celebrare il 75° anniversario dalla nascita dell’UNICEF, abbiamo previsto in Italia numerose iniziative sia locali che nazionali. Seguiteci per gli aggiornamenti!

Notizie e Aggiornamenti

Salute mentale

Generation Covid: un progetto con l'Ordine degli Psicologi della Lombardia e Magnum Photos

Scopri di più