Ahmad, senza scuola a causa della disabilità, ora può finalmente studiare e incontrare nuovi amici

4 minuti di lettura

02/12/2022

Piangeva ogni volta che i suoi fratelli andavano a scuola” racconta sua madre, Iman.

Come molti altri bambini in Siria, Ahmad, 11 anni, non è andato a scuola per anni. Ma a differenza di tanti altri bambini, i sei anni di assenze non erano causati dal conflitto. Quando era piccolo gli è stata diagnosticata, per errore, una disabilità mentale. A causa di ciò, per anni, Iman è andata di scuola in scuola senza riuscire a trovarne una in grado di accogliere suo figlio.

Ogni giorno, Ahmad prendeva lo zaino e saliva sul tetto di casa, ad Ataman, nella provincia rurale di Dar’a, nel sud della Siria, aspettando il ritorno dei fratelli da scuola.

Non faceva quello che facevano i bambini della sua età. Non voleva giocare con gli altri e ha avuto anche problemi di appetito

Iman, madre di Ahmad

Nel maggio del 2022, Iman è venuta a conoscenza del programma di educazione dell’UNICEF

Una parte del programma si concentra sul supportare i bambini con disabilità a recuperare il ritardo sull’apprendimento attraverso lezioni di recupero e lo studio in autonomia.

“Un po’ di luce in un mare di oscurità. Non potevo credere che mio figlio sarebbe stato finalmente in grado di studiare.” 

Come parte del programma, Ahmad era seguito da un consulente specializzato. “Dopo aver valutato il suo caso, abbiamo scoperto che Ahmad aveva un ritardo nel linguaggio e difficoltà ad esprimersi piuttosto che una disabilità cognitiva come si pensava in precedenza” ci dice Issaam, un consulente del programma di recupero.

Durante i tre mesi di frequenza nel centro, Ahmad ha avuto accesso alla consulenza individuale, corsi di recupero e sessioni di correzione del linguaggio per imparare a leggere e scrivere. Il programma doveva fornigli solo le basi, da integrare poi con la normale frequenza scolastica.

“Ahmad è ansioso di imparare. È il primo a rispondere alle domande, in classe” dice Issam.

“Lo scorso settembre, prima dell’inizio dell’anno scolastico, abbiamo cercato una scuola che fosse in grado di rispondere alle sue necessità per aiutarlo a sentirsi come tutti gli altri bambini, dopo essere stato isolato dagli altri per tanto tempo”
ha aggiunto Issam.

Ora Ahmad è iscritto a scuola, sua madre è molto felice

Il programma di educazione supportato dall’UNICEF a Dar’a aiuta insegnanti e specialisti a migliorare la loro capacità di lavorare con i bambini con disabilità. Il programma include la formazione dei docenti nel fornire un percorso speciale per bambini con problemi e fornisce anche strategie per prepararli al rientro a scuola. 

Ahmad si è iscritto alla scuola elementare “Thatt Al-Nitaqin", all'inizio dell'anno scolastico 2022-2023. Sua madre Iman è determinata a sostenere il suo percorso scolastico. Ogni giorno accompagna lui e i suoi fratelli dal loro villaggio nella zona rurale di Dar'a alla loro scuola in città.
"È un lungo viaggio, ma con Ahmad che fa parte dei viaggi quotidiani, mi rende la madre più felice di sempre", ha spiegato.

Ahmad continua a frequentare le lezioni di recupero nel centro supportato dall’UNICEF: “Seguiamo spesso i suoi insegnanti nel suo percorso di crescita. Il piano è quello di consentirgli di passare al programma di apprendimento accelerato denominato ‘Curriculum B’ nel prossimo semestre”, dice Issam.

Andare a scuola ha migliorato notevolmente l’umore di Ahmad. 

Ora gioca con gli altri bambini a scuola e nel vicinato, il suo appetito è migliorato.

Iman osserva quanto sia migliorato suo figlio, ora che ha iniziato ad andare a scuola come tutti gli altri bambini

Per approfondire

Dall'ottobre 2020 l'UNICEF ha raggiunto quasi 400 bambini con disabilità e oltre 750 studenti alle prese con gli esami nazionali, attraverso il programma di autoapprendimento a Dar'a, nel sud della Siria. Inoltre, oltre 400 insegnanti hanno beneficiato del programma di formazione per lo sviluppo delle capacità dei bambini con disabilità. Le attività fanno parte di un programma congiunto delle Nazioni Unite, implementato attraverso l'UNICEF, e sono state attuate con il sostegno dell’Unione Europea e del Governo della Norvegia.  

Nel mondo, sono quasi 240 milioni i bambini con disabilità , ovvero 1 su 10: ogni giorno, soprattutto nei paesi più poveri devono fare i conti con comportamenti discriminatori, leggi e politiche sociali carenti e concrete barriere alla realizzazione dei propri diritti nella scuola, nella sanità e nella vita di tutti i giorni.

Per saperne di più sul tema leggi l'ultimo rapporto UNICEF, per scoprire in che modo operiamo in Siria, visita la sezione Emergenza Siria

02/12/2022

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama