Oramai al 13° anno, l’emergenza in Siria resta tra le più complesse al mondo. A causa del conflitto e della distruzione dei servizi essenziali, della crisi economica e di disastri naturali ricorrenti, oltre 15,3 milioni di siriani necessitano assistenza umanitaria, tra cui più di 7 milioni di bambini e 5,3 milioni di sfollati.

Una condizione drammaticamente aggravata dai terremoti in Turchia e Siria del febbraio 2023: oltre 8,8 milioni i siriani colpiti, di cui 3,3 milioni bambini sotto i 18 anni, con pesanti danni ad infrastrutture già provate da anni di conflitto.

Nel paese, oltre il 40% dei centri sanitari non è funzionante o lo è solo parzialmente, 15,3 milioni di persone necessitano assistenza medica e 5,9 milioni supporto nutrizionale, tra cui oltre 3,8 milioni di bambini, 13,6 milioni di siriani sono in bisogno d’acqua sicura e servizi igienici.

Nella crisi attuale, 6,9 milioni tra bambini e maestri necessitano supporto per l’istruzione, con 2,4 milioni di bambini senza accesso alla scuola e 1,6 milioni a rischio abbandono, oltre 7.000 le scuole distrutte o danneggiate.

A causa di gravi e diffuse violazioni, più di 6,3 milioni di bambini richiedono servizi di protezione dell'infanzia: contro lavoro minorile e violenze di genere, matrimoni infantili, sfruttamento e abusi sessuali, o per il pericolo di mine ed ordigni esplosivi. Per il conflitto, dal 2011 almeno 13.000 bambini sono stati uccisi o feriti, 700 solo nel 2022.

7milioni

Bambini in bisogno di assistenza umanitaria in Siria

3,3milioni

Bambini siriani vittime dei terremoti in Turchia e Siria

15,3milioni

Persone in bisogno di assistenza medica

Il terremoto che ha sconvolto Siria e Turchia

Nelle prime ore del 6 febbraio 2023, 2 devastanti terremoti di magnitudo 7,7 e 7,6 della scala Richter hanno colpito il sud-est della Turchia e il nord-ovest della Siria, provocando un disastro di proporzioni colossali: 6,5 milioni i bambini colpiti che restano tuttora in bisogno d’assistenza nei 2 paesi. La risposta dell’UNICEF è stata immediata sia in Siria che in Turchia, per l’assistenza ai bambini e alle popolazioni colpite.

In Siria, più di 8,8 milioni di persone sono state colpite dal sisma, tra cui 3,3 milioni di bambini, con oltre 5.900 vittime e più di 12.800 feriti, tra cui numerosi bambini. Sostanziali i danni ad abitazioni e infrastrutture di base, che aggravano le vulnerabilità preesistenti, con gli interventi d’assistenza dell’UNICEF parte dell’Appello d’Emergenza per il 2024. Ad un anno dal disastro, la risposta dell'UNICEF ha raggiunto 5,6 milioni di persone, tra cui 3,2 milioni di bambini vittime dei terremoti, nel quadro della più ampia assistenza umanitaria per la crisi siriana.

In Turchia, epicentro del sisma, oltre 7,9 milioni di persone necessitano tuttora d’assistenza umanitaria, tra cui 3,2 milioni di bambini. Tra le popolazioni colpite, 1,8 milioni di rifugiati, tra cui molti siriani fuggiti dalle violenze in Siria. Per la risposta nel 2024, l’UNICEF ha lanciato un Appello d’Emergenza diretto a raggiungere con interventi integrati le popolazioni e i bambini colpiti dai terremoti, inclusi i rifugiati nel paese. Nel corso del 2023, l'UNICEF ha raggiunto 4,7 milioni di persone tra cui 2,4 milioni di bambini vittime dei terremoti, assicurando servizi e supporto salvavita.

Grazie alla generosità dei donatori italiani, oltre 5.292.400 euro i fondi trasferiti dall’UNICEF Italia nel 2023 per la risposta all’emergenza nei 2 paesi: più di 3.289.100 euro per la Siria, sconvolta oramai da 13 anni di conflitto.

I siriani in emergenza, ancor prima del terremoto


Nel nord-ovest del paese, colpito dal terremoto del 6 febbraio, 4,1 milioni di siriani versano in condizioni di emergenza per fattori concomitanti di crisi, tra cui 2,9 milioni di sfollati, inclusi 2 milioni in campi sovraffollati. Nell’area, 3,7 milioni di persone soffrono di insicurezza alimentare, 3,8 milioni necessitano assistenza sanitaria, 2,1 milioni di supporto per acqua e igiene. Anche per le conseguenze dei terremoti, sempre più bambini hanno bisogno di sostegno educativo e di protezione dell'infanzia.

Nel nord-est della Siria, bambini e donne sono vittime di violenze estese, arresti arbitrari e trasferimenti forzati. Particolarmente vulnerabili gli sfollati nel campo di Al-Hol e in quello di Al-Roj, tra cui vi sono anche donne e  bambini stranieri in attesa di rimpatrio. Nell'area, quasi 300.000 persone vivono in campi sfollati, il 95% dei quali sprovvisto di infrastrutture adeguate e con diversi problemi di sicurezza: il 57% sono donne e ragazze e il 54% bambini.

Siria, famiglie vengono evacuate da una zona di guerra

Già prima del disastro provocato dai terremoti, anni di conflitto avevano ridotto l'accesso a cibo, acqua e servizi di base: oggi, in Siria, l’85% delle famiglie faticano a soddisfare i bisogni primari,  dipendendo dagli aiuti umanitari e da pratiche di sopravvivenza pericolose, come il lavoro minorile o diete alimentari inconsistenti.

Una vulnerabilità alimentata dalla crisi economica, da emergenze sanitarie come l’ultima grave epidemia di colera, da disastri naturali ricorrenti indotti dai cambiamenti climatici, dai danni alle infrastrutture ora ulteriormente aggravate dai terremoti, e da un accesso umanitario limitato in diverse aree del paese.

A causa dell’emergenza, degli oltre 6,8 milioni di sfollati all’interno del paese 5,3 milioni necessitano di sostegno umanitario immediato. Altri 6,8 milioni di siriani rifugiati in Egitto, Iraq, Giordania, Libano e Turchia restano in bisogno d’urgente assistenza umanitaria.

L’azione dell’UNICEF


Nel corso del 2024 forniremo servizi salvavita a bambini e famiglie secondo l’approccio integrato per l’Intera Siria, con cui l'UNICEF sostiene la risposta in tutti i 14 governatorati del paese dai 3 centri di Damasco, Amman (Giordania), Gaziantep (Turchia) e attraverso 6 Uffici distaccati sul campo. Ogni qualvolta possibile, opereremo attraverso le linee nemiche e tramite missioni transfrontaliere.

Nell’assistenza umanitaria, daremo priorità alle aree di più grave emergenza, incluse quelle colpite dal sisma, operando al contempo per il rafforzamento dei servizi essenziali, in un’ottica di ripresa nel medio e lungo periodo, coinvolgendo le comunità locali per rafforzarne il supporto e la resilienza.

Per il 2024, l'UNICEF ha lanciato un Appello d’Emergenza di oltre 401,7 milioni di dollari, per raggiungere con assistenza integrata 8,5 milioni di persone, di cui 5,4 milioni sono bambini. Attraverso un separato Appello d’Emergenza per i rifugiati siriani, l’UNICEF mira ad assistere nei paesi limitrofi 5,2 milioni di persone, di cui 2,9 milioni di bambini, tra rifugiati e comunità che li ospitano. 

Obiettivi e settori di intervento

Per l'unicità del nostro mandato, che collega azione umanitaria e programmazione per lo sviluppo, miriamo a conseguire progressi duraturi per un’intera generazione di bambini siriani, nonostante la guerra.

Per la Nutrizione infantile, tra gli obiettivi del 2024 vi è fornire consultorio nutrizionale a 1,7 milioni di persone con bambini tra 0 e 2 anni, micronutrienti a 1,5 milioni tra bambini e donne incinte o in allattamento, terapie di cura per 1,7 milioni di bambini con Malnutrizione Acuta e oltre 30.000 in forma Grave e in pericolo di vita.

Per il settore della Sanità, miriamo a vaccinare 815.000 bambini contro la polio, 653.500 con vaccinazioni di routine e assicurare cure mediche per 1,9 milioni tra donne e bambini nelle strutture sostenute dall’UNICEF.

Per Acqua e Igiene, l’UNICEF opera sia per il ripristino e manutenzione delle infrastrutture idriche e igienico-sanitarie sia per le forniture d’emergenza. L’obiettivo per il 2024 è assistere 5,3 milioni di persone con acqua sicura, 2,3 milioni con servizi igienici e 300.000 per il lavaggio delle mani, oltre 2 milioni con forniture igienico-sanitarie essenziali.

Iraq, una bambina rifugiata siriana viene vaccinata contro la polio

Per la Protezione dell’Infanzia, sosterremo più di 1,7 milioni di persone contro sfruttamento e abusi sessuali e 120.550 tra donne, bambine e bambini contro le violenze di genere. Per i traumi del conflitto, forniremo supporto psicosociale e per la salute mentale a più di 234.500 tra bambini e adolescenti e assistenza a 653.600 contro i pericoli di ordigni esplosivi, incluso per il sostegno alle vittime.

Per l’Istruzione, miriamo ad assistere 2,6 milioni di bambini con programmi e materiali educativi nelle scuole ordinarie, oltre 532.400 con istruzione informale nei centri temporanei d’apprendimento, formando 37.000 tra insegnanti e personale scolastico.

Nel corso del 2024, assicureremo Protezione Sociale a 235.000 persone vulnerabili e informazioni chiave a 2,5 milioni di persone su disponibilità e accesso a servizi essenziali.

Risultati raggiunti

Nel corso del 2023, in Siria abbiamo raggiunto oltre 15,8 milioni di persone inclusi 10 milioni di bambini con interventi d’assistenza umanitaria integrata. Delle persone assistite, oltre 5,6 milioni quelle vittime terremoti, di cui 3,2 milioni bambini.

Tra i risultati sostenuti nei primi 6 mesi del 2023,  abbiamo assistito più di 949.400 donne e bambini con cure primarie e oltre 196.200 bambini con vaccinazioni di routine. Per la malnutrizione, abbiamo assicurato consultorio nutrizionale a quasi 469.000 persone con bambini sotto i 2 anni, micronutrienti ad oltre 887.000 tra madri e bambini e terapie a 9.200 bambini con Malnutrizione Acuta Grave e in pericolo di vita. Oltre 1,4 milioni di persone hanno ricevuto acqua sicura e 787.300 servizi igienici, quasi 118.500 educazione sanitaria e sul lavaggio delle mani.

Contro i rischi di ordigni esplosivi abbiamo assistito 230.400 persone e 106.100 tra donne, bambine e bambini per violenze di genere. Più di 192.700 bambini hanno ricevuto assistenza psicosociale e per la salute mentale. Per l'istruzione, quasi 399.500 bambini sono stati supportati per la scuola ordinaria e con aiuti didattici, 243.000 con programmi d’istruzione informale, più di 1.000 insegnanti formati sulla didattica nelle emergenze.

Per la protezione sociale, più di 211.969 persone sono state raggiunte con sussidi d'emergenza in denaro, 8,8 milioni con informazioni essenziali per la prevenzione di rischi e l’accesso ai servizi, 1,9 milioni mobilitate in attività di cambiamento sociale e comportamentale. 


Pagina aggiornata al 6 febbraio 2024

Documenti disponibili

TURCHIA e SIRIA - Un anno dal terremoto. L'Azione dell'UNICEF_6-2-2024pdf / 1.03 Mb

Download

SIRIA - Appello d’Emergenza UNICEF HAC 2024_Dicembre 2023pdf / 754 kb

Download

SIRIA - 12 ANNI di GUERRA - La Crisi in numeri - Marzo 2023pdf / 2.25 Mb

Download

News ed Aggiornamenti