Cittadinanza per i minori di origine straniera, un incontro tra UNICEF e Parlamentari

2 minuti di lettura

18/04/2012

Si è tenuto oggi, su iniziativa dell’UNICEF Italia, un incontro ristretto tra una delegazione dell’UNICEF - guidata dal Direttore generale Davide Usai - e i primi firmatari delle proposte di legge giacenti in Parlamento aventi ad oggetto l'acquisizione della cittadinanza italiana da parte dei minorenni di origine straniera.

Hanno partecipato ai lavori numerosi parlamentari dei diversi schieramenti, esprimendo un’indicazione comune affinché l’UNICEF s’impegni a facilitare un percorso che consenta di arrivare a posizioni condivise su una questione, quella della riforma della legge sulla cittadinanza, dirimente per il presente e il futuro dell’Italia. 

«L’appuntamento inaugura un percorso che mira a coinvolgere i parlamentari e membri del Governo per riprendere, in maniera partecipata, il percorso di riforma della Legge n. 91 del 1992 affinché si giunga ad un testo unificato e bipartisan e rispondente agli standard condivisi a livello internazionale in materia di diritti umani fondamentali e che utilizzi la ricchezza del dibattito in atto in Italia»  ha dichiarato Davide Usai. 

In particolare per ciò che riguarda la disciplina dell’acquisizione della cittadinanza per i minorenni di origine straniera, l’UNICEF Italia ha condiviso con i parlamentari presenti l’esigenza che il nuovo testo sia ispirato al rispetto dei principi di non discriminazione (art.2) e del superiore interesse del minorenne in ogni situazione che lo riguarda (art.3) alla base della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

L’attuale legge sulla cittadinanza fa riferimento a una realtà molto diversa da quella attuale, che dimostra come la presenza delle "seconde generazioni" sul territorio italiano sia in progressiva crescita: al 31 dicembre 2010 risultano essere circa 650.000 i minorenni di origine straniera nati in Italia.

«L’UNICEF Italia ringrazia i parlamentari che sono intervenuti all’incontro odierno e si augura che questo possa essere il primo passo per porre nuovamente nell’agenda dei lavori parlamentari di questa legislatura il tema dell’acquisizione della cittadinanza per i minorenni di origine straniera. 

Rivolge inoltre un invito a tutti i membri del Parlamento e del Governo affinché questa legislatura possa chiudersi con un fondamentale passo in avanti nell’attuazione di quanto sancito dalla Convenzione sui diritti dell’infanzia» ha concluso il Direttore generale dell’UNICEF Italia.
 
Aiutaci a promuovere i diritti di cittadinanza! 

18/04/2012

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800914249

Chiama