Indagine giovani e razzismo 2010

3 minuti di lettura

18/11/2010

Lorien Consulting presenta una nuova indagine sul razzismo in Italia: Adolescenti e razzismo: un problema percepito, vissuto, da combattere. Un confronto tra italiani adulti ed adolescenti 
 
In occasione del lancio della Campagna UNICEF “Io Come Tu”, nata con l’intento di trasmettere l’inviolabilità del principio di non discriminazione a beneficio di gruppi vulnerabili di bambini e adolescenti, come i bambini e gli adolescenti di origine straniera,  Lorien Consulting ha svolto un’indagine on-line  con il fine di fotografare la percezione che gli italiani hanno di questa tematica, confrontando l’opinione degli adulti con quella degli adolescenti. 
 
La ricerca è stata condotta tra il 12  e il 15 novembre 2010 su due differenti tipologie di campione (400 adolescenti dai 14 ai 17 anni e 400 adulti, over 18) ed ha indagato non solo la percezione del concetto di  razzismo, ma anche le relative esperienze vissute dagli intervistati, le loro principali fonti di conoscenza, i loro valori ed un primo generale giudizio sulla Campagna stessa. 
 
Il primo dato che emerge dall’indagine è certamente la diffusa percezione del razzismo da parte di entrambi i campioni  (95.8% dei teenagers e 96.8% degli adulti), percezione che per i più giovani deriva non solo dalla mediazione di giornali e televisione (così per il 39.9% degli adolescenti), ma anche da esperienze tangibili vissute direttamente in ambito scolastico (31.6%). 
 
Ma l’istituzione scolastica delude dal punto di vista dell’educazione, se è vero che l’idea che gli adolescenti hanno di razzismo, ovvero un qualsiasi episodio di rifiuto ed emarginazione verso il “diverso da sé” (47.8% degli adolescenti), per il 41.8% dei teenagers proviene da un background familiare, mentre solo per l’11.5% dall’educazione ricevuta a scuola. 
 
L’andamento del razzismo è considerato abbastanza stabile, se non in aumento, sia per i più grandi che per i più giovani, ma per entrambi i gruppi è considerato un  problema risolvibile, sia pur solo con la cooperazione di tutti. Appare controverso il concetto di “tutti”, però, dal momento che, mentre il 35.9% degli adulti attribuisce la responsabilità del  razzismo ai comportamenti erronei degli stranieri che vivono in Italia, il 35.8% degli  adolescenti attribuisce la colpa all’ignoranza degli stessi italiani. 
 
Per gli adolescenti è infatti l’uguaglianza il valore più importante (così per il 35.3% del campione) dopo i diritti umani (44.8%), mentre dal punto di vista degli adulti, sempre dopo i diritti umani (43%), pesano maggiormente i diritti alla salute (42.5%) e al lavoro (29.8%). 
 
Risulta dunque fondamentale il fatto che, osservando le realizzazioni della Campagna, il primo messaggio percepito sia proprio l’uguaglianza tra le persone: così per il 60.3% degli adolescenti e anche per il 54.5% dei maggiorenni. Forse anche per questo la Campagna non solo piace, ma piace molto, alla metà del campione degli adolescenti così come al 43% dei maggiorenni. 
 
Il sentimento anti-razzista è dunque molto percepito e diffuso, ancor più tra i giovani che tra gli adulti, ma è  necessaria un’importante  campagna di sensibilizzazione, in particolare nelle scuole, dove peraltro l’incontro diretto tra giovani italiani e giovani stranieri che vivono in Italia è molto elevato. 
 
Roma, 19 novembre 2010

18/11/2010

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800914249

Chiama