L'UNICEF saluta con favore la donazione da parte degli USA di 1,5 milioni vaccini anti COVID-19 all'Honduras.

2 minuti di lettura

28/06/2021

L'UNICEF accoglie con favore la prima donazione del Governo degli Stati Uniti di vaccini COVID-19 attraverso il meccanismo di condivisione delle dosi di COVAX, giunti in Honduras, e chiede più donazioni di vaccini su larga scala, in particolare in America Latina e nei Caraibi, regioni duramente colpite.

Con appena 62.000 honduregni completamente vaccinati, questo milione e mezzo di dosi di vaccino rappresentano un sollievo a lungo atteso dall'Honduras, che ha uno dei tassi di vaccinazione più bassi dell'America Latina. Inoltre, queste dosi sono un barlume di speranza per la regione e per tutti i paesi che aspettano con ansia le dosi di COVAX. Gli Stati Uniti dovrebbero essere lodati per essersi fatti avanti per sostenere l'Honduras, la regione e il mondo.

Dopo oltre 18 mesi di una pandemia che è costata milioni di vite, trilioni di dollari e ha avuto un impatto negativo sulla vita di tutti noi, possiamo finalmente iniziare superare la crisi, ma i vaccini rimangono fuori portata per troppi. Oltre il 30% dei decessi per COVID-19 nel mondo si registrano oggi in America Latina e nei Caraibi, dove i casi stanno aumentando vertiginosamente, anche tra i più giovani. Eppure, meno dell'11% della popolazione della regione duramente colpita è completamente vaccinata.

Oggi, oltre 100 milioni di bambini in America Latina e nei Caraibi sono ancora fuori dalla scuola a causa della pandemia, e i più vulnerabili sono spinti al lavoro minorile. Dobbiamo usare tutti gli strumenti a disposizione per accelerare la risposta alla pandemia e i vaccini sono uno strumento chiave.

Lasciare la maggior parte della popolazione dell'America Latina e dei Caraibi non vaccinata contro il COVID-19 è una minaccia crescente anche per il resto del mondo. Più tempo si impiega per vaccinare questa regione, più alto è il rischio che nuove e potenzialmente più letali varianti emergano e si diffondano altrove.

Un accesso equo ai vaccini COVID-19 rappresenta la via d'uscita più chiara da questa pandemia per tutti noi - bambini compresi, e queste donazioni sono un passo importante in questa direzione. Nelle prossime settimane e mesi, un ulteriore aumento delle donazioni da parte di paesi che dispongono di maggiori dosi, anche attraverso la condivisione su larga scala in America Latina e nei Caraibi, è vitale per aiutare a porre fine alla fase acuta della pandemia.

Dichiarazione di Jean Gough, Direttore Regionale UNICEF per l'America Latina e i Caraibi.

L'arrrivo dei vaccini anti COVID19 in Honduras, donati dagli USA.

28/06/2021

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800900083

Chiama