Migranti, Iacomini (portavoce UNICEF Italia): tragedia del piccolo Joseph smuova le coscienze dell'Europa

2 minuti di lettura

11/11/2020

"A pochi km dalle nostre coste si è consumata ieri l’ennesima tragedia del mare che ha visto purtroppo morire ancora una volta, davanti ai nostri occhi e a poche settimane da un altro naufragio, un bimbo di soli 6 mesi. 

È una notizia che ci lascia sgomenti a una settimana dalla Giornata Mondiale dell’Infanzia (20 novembre) che celebra l'approvazione della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza da parte di tutti gli Stati del mondo. 

Oggi più che mai ribadiamo la necessità di garantire il diritto alla protezione e alla vita di ogni bambina e bambino, senza alcuna distinzione, e in qualsiasi luogo si trovi. 

Non vogliamo più essere testimoni delle morti di bambine e bambini in mare. 

È fondamentale e urgente che l’Europa si impegni stabilmente a garantire vie di accesso sicure dalle aree di crisi o di transito, per evitare che decine di migliaia di bambini, donne e uomini vivano con l’incubo della traversata i ricatti dei trafficanti, subendo violenze e abusi, mettendo a rischio la propria vita e quella dei loro figli, fino a vederla svanire tra le onde del Mediterraneo.

UNICEF è a fianco dei governi per garantire soluzioni concrete a una situazione che non è più rinviabile. 

Chiediamo alle istituzioni un maggiore sforzo per le operazioni di ricerca e soccorso e di prevedere meccanismi sicuri di sbarco."

(Dichiarazione di Andrea Iacomini, Portavoce dell'UNICEF Italia)

11/11/2020

News ed Aggiornamenti

Chiama Ora il 800 91 42 49 e dona 9 euro al mese!

Chiama