Sud Sudan, arrivate le prime 132.000 dosi di vaccino contro il COVID-19

3 minuti di lettura

25/03/2021

Oggi sono arrivate all’aeroporto internazionale di Juba 132.000 dosi di vaccino Astra Zeneca contro il COVID-19. Questa è la prima delle diverse spedizioni pianificate per i prossimi mesi in Sud Sudan, attraverso il supporto della COVAX Facility. La Covax Facility è la partnership globale composta da CEPI, GAVI, UNICEF e OMS che ha l’obiettivo di assicurare a tutti i paesi un accesso equo ai vaccini contro il COVID-19.

Insieme con la spedizione di vaccini di oggi, sono arrivati 132.500 siringhe e 1.325 contenitori per rifiuti sanitari per uno smaltimento sicuro delle siringhe. Attraverso la COVAX Facility, ci si aspetta che nei primi sei mesi del 2021 saranno inviate 732.000 dosi di vaccino in Sud Sudan.

La prima spedizione di vaccini supportata da COVAX sarà utilizzata per vaccinare gli operatori sanitari e le persone oltre i 65 anni, perché maggiormente a rischio di ammalarsi gravemente e di morte a causa di un possibile contagio da COVID-19. Gli operatori sanitari comprendono fra gli altri dottori, infermieri, operatori sanitari di comunità e mobilitatori sociali.

“Il vaccino contro il COVID-19 ci aiuterà a proteggere la nostra popolazione dai contagi del virus e a preparare un ritorno alla normalità. Siamo grati a tutti i partner per il loro supporto a facilitare l’arrivo dei vaccini nel nostro paese,” ha dichiarato il Ministro della Salute del Sud Sudan, Hon Elizabeth Achuei.

La campagna di vaccinazione contro il COVID-19 in Sud Sudan inizierà presto. I piani di implementazione delle attività di vaccinazione in tutte le 80 contee del paese sono in fase di sviluppo. Gli operatori sanitari vengono formati prima della distribuzione del vaccino. Nei prossimi mesi e fino alla fine del 2022, il Sud Sudan intende vaccinare il 40% della popolazione, come sottolineato nel Piano Nazionale del paese di Distribuzione e Vaccinazione contro il COVID-19.

“L’arrivo dei vaccini è il primo passo verso una vita normale e rappresenta un passaggio importante per i bambini e il loro futuro, perché sappiamo che sono stati i più duramente colpiti da tutte le restrizioni per il COVID-19,” ha dichiarato Hamida Lasseko, Rappresentante UNICEF in Sud Sudan. "Siamo soddisfatti perché il duro lavoro delle ultime settimane è stato ripagato e non ci fermeremo finché i vaccini non arriveranno alle persone che ne hanno più bisogno in tutto il paese e la campagna di vaccinazione non avrà inizio".

La vaccinazione contro il COVID-19 in Sud Sudan sarà somministrata su base volontaria e gratuitamente. Nonostante la vaccinazione contro il COVID-19 sia importante per proteggere le persone più vulnerabili ed esposte a contagio e ridurre la morbilità e la mortalità, è fondamentale continuare a rispettare le misure di prevenzione per contrastare la diffusione del virus, indossando mascherine e rispettando il distanziamento sociale.

25/03/2021

News ed Aggiornamenti

Un vaccino anti COVID-19 per tutti con la Rete del Dono

Scopri di più