tool

Emergenza Pakistan, la situazione aggiornata



 

Sale a 21 milioni il numero delle persone colpite dalle catastrofiche inondazioni in Pakistan: una popolazione equivalente a quella di Belgio, Austria e Svizzera messe insieme!

Un quinto dell'enorme paese asiatico (guarda la mappa) è sott'acqua ormai da quando - era fine luglio - i monsoni più violenti degli ultimi decenni hanno provocato lo straripamento dell'Indo e di altri corsi d'acqua.

Di fronte a queste cifre enormi, è quasi sorprendente che il numero delle vittime, peraltro provvisorio, sia di sole 1.752.

Ma è dei vivi, dei milioni di sfollati (per metà bambini) che dipendono totalmente dall'aiuto umanitario e dunque dalla generosità di governi e privati cittadini dei Paesi donatori, e soprattutto dei 3,5 milioni di bambini a rischio che bisogna occuparsi con la massima urgenza.

Nelle aree più colpite (le due province di Khyber-Pakhtunkhwa e del Punjab, dove si concentra il 70% degli sfollati), le autorità stanno incoraggiando la popolazione a rientrare nei centri abitati dove l'acqua ha iniziato a ritirarsi. Ma per molti, semplicemente, la casa non c'è più.

Il pericolo viaggia verso sud

Ora che le acque dell'Indo, il grande fiume che attraversa il paese e il cui letto in alcuni punti si è allargato fino a 200 chilometri, stanno drenando verso il mare, la preoccupazione è che l'immensa onda di piena sommerga ancor più la regione meridionale del Sindh.

Un altro grande rischio è quello che minaccia la salute degli sfollati, a cominciare dai bambini, i soggetti di gran lunga più vulnerabili.

«Questa è una crisi sconfinata» afferma Omar el-Hattab, responsabile per i programmi Acqua e Igiene dell'UNICEF Pakistan. «La gente non ha dove fare i propri bisogni, vive sulla strada e dunque finisce per inquinare la stessa acqua che usa per dissetarsi

In carenza di acqua pulita si diffondono a dismisura malaria e diarrea: la prima perché l'acqua stagnante favorisce la proliferazione delle zanzare portatrici dell'infezione, la seconda perché il delicato organismo dei più piccoli è vittima dei microbi e dei batteri contenuti nell'acqua impura.

Nei centri di accoglienza, oltre quattro milioni di persone hanno dovuto ricorrere a cure mediche per una serie di malattie legate all'acqua infetta e alla scarsa igiene. Metà di esse erano bambini e donne incinte.

«Dobbiamo scongiurare una seconda ondata: dopo l'inondazione, l'impatto delle malattie e della malnutrizione sui bambini» ha affermato Anthony Lake, direttore dell'UNICEF durante la sua missione sui luoghi della catastrofe.

L'UNICEF in azione

L'UNICEF è la principale organizzazione all'opera sul fronte idrico e igienico in Pakistan.

Ogni giorno, due milioni e mezzo di sfollati si dissetano e si lavano con l'acqua rifornita dall'UNICEF, che ha anche installato 7.940 latrine provvisorie nelle tendopoli ma anche nelle scuole, nelle moschee e in altri edifici pubblici.

Ad oggi sono stati distribuiti 3,37 milioni di compresse al cloro per rendere potabile le scorte idriche e 62.000 kit per l'igiene familiare: sapone, secchi e altri beni indispensabili per lavarsi.

L'UNICEF ha finora contribuito a vaccinare circa tre milioni di bambini e donne incinte, proteggendoli da malattie come polio, morbillo, tetano e tubercolosi.

L'UNICEF ha anche fornito 5.000 set di strumenti ostetrici per il parto sicuro e 4,2 milioni di bustine di sali per la reidratazione orale e compresse di zinco, rimedi contro la dissenteria acuta di bambini e adulti.

Circa 450 mila bambini e donne incinte hanno beneficiato di razioni alimentari terapeutiche acquistate dall'UNICEF.

Purtroppo anche il principale magazzino dell'organizzazione, nella città di Peshawar, è andato perduto a causa delle inondazioni.

La Supply Division dell'UNICEF ha finora acquistato - in parte in Pakistan, in parte sul mercato internazionale - beni di soccorso per un valore di 8,6 milioni di dollari (qui il report completo sull'azione umanitaria dell'UNICEF).

Tuttavia, nonostante gli enormi sforzi profusi, l'UNICEF è ben consapevole che ancora la maggior parte di coloro che ne avrebbero bisogno non sono stati raggiunti dagli aiuti.

Semplicemente, le scorte non sono sufficienti per i milioni di persone in stato di necessità: una popolazione di gran lunga superiore a quella colpita dalle più grandi emergenze umanitarie degli ultimi anni, come lo tsunami dell'Oceano Indiano o il terremoto di Haiti del gennaio scorso.

Fondi mancanti

Il direttore dell'UNICEF Anthony Lake ha rilanciato un accorato appello alla solidarietà internazionale affinché contribuisca a finanziare l'ingente somma (253 milioni di dollari) necessaria per gli interventi a tutela dell'infanzia nell’arco di 12 mesi, da agosto 2010 a fine luglio 2011.

Nonostante la gravità della situazione, l'UNICEF ha ricevuto finora soltanto un quarto della somma richiesta.

È possibile contribuire ad aiutare i bambini del Pakistan con una donazione online o in uno dei tanti altri modi per donare.



https://www.unicef.it//doc/1702/emergenza-alluvioni-in-pakistan.htm

footer
Comitato Italiano
per l'UNICEF onlus
Via Palestro 68, 00185 Roma
Numero Verde 800-745.000
Cod. Fis. 015619 205 86
C/C postale 745.000
IBAN IT55 O050 1803 2000 0000 0505 010
email info@unicef.it
www.unicef.it