[/unicefitalia/documenti/dettaglio.htm]
AREA

Italia amica dei bambini

Ritrovarsi dopo il COVID: un webinar su didattica a distanza e disuguaglianze educative

© UNICEF-Italia/David_Mannini
© UNICEF-Italia/David_Mannini
Durante l'emergenza coronavirus, la didattica a distanza ha avuto un forte impatto sulle disuguaglianze educative.
 
Il rischio è che il divario tra gli alunni diventi ancora maggiore, poiché i ragazzi e le ragazze che vivono situazioni di fragilità sociale sono coloro che hanno pagato il prezzo maggiore della chiusura delle scuole.
 
Come ritrovarsi nella comunità educante, dopo l’impatto che la quarantena ha avuto sui bambini, sui ragazzi, sulla scuola e sulle comunità?

Giovedì 2 luglio 2020 dalle h. 9,30 alle h. 13,30 l'UNICEF Italia, in collaborazione con i partner del progetto, organizza un webinar in diretta streaming sul suo canale YouTube per fare il punto sulle lezioni apprese nel progetto Lost in Education attraverso i racconti diretti dei ragazzi e delle ragazze, degli educatori e docenti, dei genitori e degli attori delle comunità educanti, e con il contributo di esperti.

 
Ci confronteremo sul valore dell’ascolto e della partecipazione dei bambini e dei ragazzi e sulla manutenzione del patrimonio educativo di una comunità educante capace di supportare il processo educativo.
 
Partecipa al webinar! Scarica e condividi il save the date e segna l'evento nel tuo calendario.
 
La povertà educativa lede il diritto dei bambini e dei ragazzi ad avere una educazione di qualità: la realizzazione delle piene potenzialità dei minorenni è un “bene comune” di cui tutti siamo responsabili.
 
È necessario lavorare per costruire una comunità educante che si prenda carico del processo educativo, partendo dalle risorse di un luogo, sia in termini di servizi disponibili che di capitale sociale e umano.

Nell'ambito del Progetto Lost in Education, finanziato dall'impresa sociale Con i bambini nell'ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, anche nel periodo di quarantena ci siamo attivati con tutte le scuole e comunità territoriali coinvolte continuare a creare spazi per gli studenti e sostenere i genitori. Scopri di più riguardo le attività svolte durante la crisi legata al COVID-19.

Ripensare le modalità di fruizione della didattica con il distanziamento sociale e la DAD (didattica a distanza) ha richiesto un grosso impegno da parte dei docenti, delle scuole e delle famiglie.
 
Tuttavia, la risposta straordinaria dovuta a una situazione di emergenza non può non farci riflettere sulla necessità di individuare nuove idee, modelli e strategie per garantire le giuste opportunità di apprendimento, senza lasciare indietro nessuno. 
 


Il progetto

Lost in Education è un progetto dell’UNICEF Italia per il contrasto alla povertà educativa minorile. Si realizza in 7 regioni (Puglia, Sicilia, Sardegna, Lazio, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia e Liguria), in collaborazione con Arciragazzi Nazionale , 20 scuole (13 Istituti Comprensivi e 7 Scuole Superiori) e 6 partner territoriali (Arci Liguria, Arciragazzi Sicilia, Taranto, Liguria, Lazio, Lombardia).

La valutazione di impatto è affidata al Laboratorio FOIST per le Politiche Sociali e i Processi Formativi dell’Università degli Studi di Sassari - Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali.

Il progetto ha come obiettivi:
  • migliorare il benessere dei ragazzi e la loro capacità personale di percepirsi come attori trasformativi della propria comunità scolastica e di vita (soft skills di cittadinanza attiva);
  • rafforzare la centralità della scuola come luogo educativo e aumentare il supporto della comunità educante
  • sviluppare una comunità educante in cui gli attori sociali siano capaci di riconoscere le proprie competenze educative e prendersi carico del processo educativo

Per maggiori informazioni: percorsiconibambini.it/lostineducation/



 
 
Scarica

"Lost_in_Education_Covid-19"

scarica pdf (489 kb) ,

"SaveTheDate_Ritrovarsi_nella_comunita_educante"

scarica jpg (175 kb) ,

"Programma_webinar_Ritrovarsi_nella_comunita_educante"

scarica pdf (372 kb)