Allattare per salvare vite, nel Myanmar flagellato dalle alluvioni

3 minuti di lettura

13/08/2015

14 agosto 2015 - L'UNICEF sottolinea l'importanza dell'allattamento al seno, ora che le piogge monsoniche e le conseguenti inondazioni mettono a rischio la salute dei bambini e delle loro famiglie in Myanmar (l'ex Birmania).

Gli allagamenti, che nei giorni precedenti avevano interessato 4 regioni del paese provocando un centinaio di vittime, si sono ora estesi anche alle regioni di Bago e di Ayeyarwaddy.

Il numero di bambini e famiglie colpite dalle inondazioni continua a salire: ora il totale è salito a 1,1 milioni di abitanti, tra cui circa 390.000 bambini.

Oltre metà delle persone colpite dal disastro sono donne, tra cui più di 21.000 in gravidanza e oltre 20.000 in allattamento.

Ora che diventa sempre più difficile garantire fonti d'acqua sicure, l'allattamento al seno diventa fondamentale per la salute dei bambini, in quanto diarrea e altre malattie veicolate dall'acqua impura possono avere effetti letali per i bambini, soprattutto per i più piccoli.

«In questo momento le maggiori priorità sono acqua potabile, cibo e monitoraggio della malnutrizione» spiega Alison Rhodes, direttrice per i programmi di comunicazione e advocacy dell'UNICEF Myanmar «Mentre le acque hanno iniziato a ritirarsi in alcune delle aree allagate, è indispensabile che si avviino al più presto le operazioni per ripristinare i servizi di base per l'infanzia.»

La scarsità di acqua potabile e la mancanza di servizi igienici e fognature aumentano i rischi per i bambini di contrarre malattie trasmesse dall'acqua.

L’UNICEF e le organizzazioni partner hanno trasmesso via radio messaggi nelle diverse lingue locali sulle corrette pratiche igieniche e di alimentazione di base, raggiungendo oltre 4 milioni di abitanti nelle zone colpite.

«Bere acqua contaminata provoca la diarrea, che è una delle principali cause di morte per i bambini sotto i 5 anni. E anche aggiungere acqua inquinata nella preparazione degli alimenti per l'infanzia, come ad esempio mischiandola al latte in polvere, può essere molto pericoloso.

L'allattamento al seno è il modo più sicuro per nutrire i neonati e i bambini piccoli, poiché il latte materno ha tutte le sostanze nutritive e gli anticorpi necessari per proteggere la loro salute» ricorda Alison Rhodes.

L'UNICEF sta cooperando con il governo di Myanmar per venire incontro alle urgenti necessità dei bambini e delle famiglie costrette a ripararsi nei rifugi temporanei o che cercano di rientrare nelle loro abitazioni, compiendo missioni rapide di valutazione per quantificare le necessità della popolazione colpita nelle aree del paese maggiormente colpite dalle inondazioni: Sagaing, Magway, Rakhine, Bago, Ayeyarwaddy e Chin, una delle regioni più povere e remote del paese asiatico.

L'UNICEF sta contribuendo a ripristinare l'accesso ad acqua potabile e ai servizi igienici di base, tramite la installazione di latrine, la distribuzione di compresse a base di cloro per purificare l'acqua e alla diffusione di kit igieniciper le famiglie.

Inoltre, è in corso la distribuzione di sostanze ricche di micronutrienti , kit per la protezione dell'infanzia e materiali per il sostegno psicologico e sociale

Per portare avanti il suo intervento in questa emergenza, l'UNICEF ha lanciato un appello per raccogliere fondi straordinari per 9,5 milioni di dollari, indispensabili per fornire assistenza umanitaria urgente a tutti i bambini colpiti dalle inondazioni in Myanmar di qui a 6 mesi.

Al momento l'appello è stato finanziato dai donatori internazionali per circa un terzo del totale (3,4 milioni di dollari).

13/08/2015

News ed Aggiornamenti

Chiama Ora il 800 91 42 49 e dona 9 euro al mese!

Chiama