Cari leader del G20: l'Africa ha bisogno delle dosi di vaccino anti-COVID promesse.

4 minuti di lettura

30/10/2021

Molti paesi in Africa hanno recentemente registrato un'impennata di casi di COVID-19 e sono ad rischio di ulteriori contagi. Le misure per contenere il virus minacciano la fragile crescita economica e la stabilità dei servizi di base come la sanità e l'istruzione.

I bambini stanno perdendo le lezioni e i sistemi sanitari (già fragili prima della pandemia) sono sempre più sotto pressione.

In tutta l'Africa le persone stanno firmando e condividendo una lettera aperta ai leader del G20 per chiedere di onorare gli impegni presi nel consegnare le dosi di vaccino.

La lettera aperta: perché l'Africa ha bisogno delle dosi di vaccino promesse

Cari leader del G20,
durante il Summit sul COVID-19 tenuto recentemente dalle Nazioni Unite, i leader mondiali hanno fissato come obiettivo che ogni paese debba vaccinare il 70% della sua popolazione. Molti paesi ricchi sono sulla buona strada, ma solo una frazione di quelli africani è completamente vaccinata.

Questa disguguaglianza non è solo ingiusta ma anche controproducente. Lascia gli africani, e di conseguenza tutto il mondo, alla mercé del virus. Senza controlli può creare nuove e più pericolose varianti. 

Le nazioni ricche si sono impegnate a donare oltre un miliardo di vaccini quest'anno e centinaia di milioni in più nel 2022. Questo ci dà speranza. Ma l'Africa non può aspettare.

Abbiamo bisogno di dosi ora. Vi sollecitiamo a donare le dosi entro dicembre, insieme alle risorse per trasformare i vaccini in vaccinazioni, per formare gli operatori sanitari e dotarli di protezioni individuali, le infrastrutture per conservare e trasportare i vaccini.

La posta in gioco non potrebbe essere più alta. Ogni giorno in cui l’Africa rimane non protetta, la pressione si accumula sui già fragili sistemi sanitari dove può esserci anche una sola ostetrica per centinaia di madri e bambini.

Mentre la pandemia provoca un picco di malnutrizione infantile le risorse vengono sottratte ai servizi sanitari salvavita e alle vaccinazioni infantili. I bambini già orfani rischiano di perdere i nonni. Il disastro incombe sulle famiglie dell'Africa sub-sahariana, 4 su 5 delle quali si affidano al settore informale per il loro cibo quotidiano.

La povertà minaccia il ritorno dei bambini a scuola, la protezione dalla violenza e aumenta il rischio di matrimonio precoce.

Ogni giorno di attesa rischiamo una tragica inversione dei risultati di sviluppo faticosamente conquistati.

Ricorda il sollievo che hai provato quando hai ricevuto la tua prima dose di vaccino, quando hai potuto abbracciare i tuoi nonni, vedere la vita tornare "alla normalità" per i tuoi figli.   

Anche l'Africa ha bisogno di questo.

La strada per uscire dalla pandemia è chiara. Possiamo uscirne solo insieme.

Per favore, donate le dosi di vaccino contro il COVID-19 entro dicembre.

Per approfondire

I paesi africani sono stati ampiamente lasciati senza accesso ai vaccini contro il COVID-19. Meno del 5% della popolazione africana è completamente vaccinata, lasciando molti paesi a rischio elevato di ulteriori epidemie. I paesi ricchi con più scorte di quante ne hanno bisogno si sono generosamente impegnati a donare queste dosi ai paesi a basso e medio reddito attraverso COVAX ma le dosi promesse vengono trasferite troppo lentamente. Delle 1,3 miliardi di ulteriori dosi che i paesi si sono impegnati a donare, sono state fornite a COVAX solo 356 milioni.

Scopri di più sulla campagna UNICEF #DonateDosesNow - #DonateDosiOra

Qui il testo originale della petizione

30/10/2021

News ed Aggiornamenti

Salva i bambini con 9 euro al mese: 800 90 00 83

Chiama