Cosa Facciamo

Lunga vita ai diritti

Trent'anni di Convenzione in Italia

Il 27 maggio 2021 ricorre il trentesimo anniversario della ratifica della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza da parte dell’Italia. 

La Convenzione è il trattato sui diritti umani maggiormente ratificato al mondo: a oggi sono 196 i paesi che l'hanno ratificato. È il primo trattato sui diritti dei minorenni a essere vincolante e include tutte le fattispecie dei diritti umani, tra cui quelli civili, culturali, economici, politici e sociali.
La sua adozione da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1989 è stata determinante nel migliorare la vita di bambini, bambine e adolescenti e ha contribuito a cambiare la percezione relativa all’infanzia e all’adolescenza, garantendo a bambini e ragazzi un nuovo protagonismo: bambini e adolescenti non più come oggetto di cura ma come soggetto di diritto.

Festeggiamo insieme i 30 anni: l'iniziativa Lunga vita ai diritti

Il Comitato Italiano per l’UNICEF - Fondazione ONLUS collabora con le istituzioni nazionali e locali, il mondo della scuola, della sanità, dello sport e molti altri stakeholder competenti o interessati, perché venga data attuazione ai principi della Convenzione e per trasformare l’opportunità delle Osservazioni conclusive rivolte all’Italia in impegni concreti per tutti i bambini e i ragazzi che vivono sotto la giurisdizione dello Stato.

Scopri quali sono le iniziative per festeggiare l'anniversario della Convenzione in Italia e partecipa anche tu. 

Aderisci alle attività entro il 27 maggio 2021 (data della ratifica in Italia della Convenzione).

Documenti disponibili

Locandina Lunga Vita Ai Diritti - 30 anni Convenzionepdf / 59 kb

Download

Brochure Lunga Vita Ai Diritti - 30 anni Convenzione pdf / 270 kb

Download

Come partecipare

Diffondi la cultura dei Diritti attraverso i canali social utilizzando la cornice #LungaVitaAiDiritti su Facebook ed Instagram. Puoi scaricare la cornice anche a questi link: cornice rotonda, cornice quadrata

Se sei un sindaco, un assessore, un consigliere, un cittadino

Convoca la Giunta o il Consiglio

Convoca una riunione di Giunta o un Consiglio Comunale per discutere dei Diritti di bambini e ragazzi nel tuo Comune.

Segnala la tua adesione all’iniziativa scrivendo a cittamiche@unicef.it; il nome del tuo comune sarà inserito nell’elenco on line dei comuni aderenti 

Per maggiori informazioni Città Amica dei Bambini e degli Adolescenti

Illumina di blu un monumento

Illumina di blu un monumento storico della tua città o proietta il logo del trentennale per far sapere a tutti che nel tuo Comune i Diritti dei Bambini e degli Adolescenti sono rispettati.

Per richiedere il logo scrivi a cittamiche@unicef.it;

Segnala la tua adesione all’iniziativa scrivendo a cittamiche@unicef.it; il nome del tuo comune sarà inserito nell’elenco on line dei comuni aderenti 

Per maggiori informazioni Città Amica dei Bambini e degli Adolescenti
Leggi anche Le città italiane si illuminano di blu

Più Diritti sui Social

Diffondi la cultura dei Diritti attraverso i canali social del tuo Comune e quelli personali utilizzando la cornice LungaVitaAiDiritti su Facebook ed Instagram.

Segnala la tua adesione all’iniziativa scrivendo a cittamiche@unicef.it; il nome del tuo comune sarà inserito nell’elenco on line dei comuni aderenti 

Per maggiori informazioni Città Amica dei Bambini e degli Adolescenti

Fai conoscere i Diritti

Aiutaci a diffondere la cultura dei Diritti stampando e affiggendo nei luoghi in cui vivi o lavori la locandina e la brochure prodotta dall'UNICEF in occasione dei 30 anni della Convenzione in Italia. 

Segnala la tua adesione all’iniziativa scrivendo a cittamiche@unicef.it; il nome del tuo comune sarà inserito nell’elenco on line dei comuni aderenti 

Se sei un insegnante, un genitore, uno studente

Infinito blu alla lavagna

La Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza si rivela uno strumento utile per leggere e interpretare i contesti di vita di alunne e alunni, per sostenerli nel riconoscimento di sé e nella comprensione degli altri.

Per questo UNICEF, in questa importante ricorrenza, rivolge alle Scuola la proposta “Infinito blu alla lavagna”.
Si tratta di un’attività di gruppo  per scoprire e condividere quali siano i diritti che, in questo specifico momento, bambini, bambine e adolescenti, ritengono più importanti. 

Come illustrato nella scheda attività allegata, attraverso l’immagine dell’infinito blu disegnata alla lavagna, gli alunni potranno riportare i diritti scelti inserendoli all’interno dell’immagine secondo una loro personale “ catalogazione” per poi inviare la foto del risultato  alla mail scuola@unicef.it

UNICEF Italia recupererà tutti i contributi inviati dalle Scuole e li pubblicherà nella galleria Flickr dedicata all’iniziativa. 

Allegato 1 scheda attività
Allegato 2 immagine e schema lavagna 

Il libro "Gli psicologi e i diritti dei bambini"

Scopri il libro Gli psicologi e i diritti dei bambini.

La pubblicazione nasce da un’idea del gruppo di lavoro “La psicologia per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza - Feeling Children’s Rights ” dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia e presenta il tema dell’incontro e del rapporto tra il bambino e lo psicologo.

Testi corredati da meravigliose illustrazioni di Giada Negri che si concludono con gli articoli della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in parole semplici. Il massimo trattato sui diritti che quest’anno celebra i suoi trent’anni di attuazione in Italia (1991-2021)

Se hai tra i 14 e i 30 anni

UReport Italia

Iscriviti a UReport Italia, la piattaforma utilizzata dall’UNICEF per favorire la partecipazione dei giovani.  
Finalmente approda anche in Italia la più grande community dedicata all’empowerment dei giovani, per raccogliere e dare seguito alle loro richieste. La piattaforma raccoglie oltre 13 milioni di iscritti in oltre 78 paesi del mondo

La Convenzione: per ogni bambino e adolescente gli stessi diritti

La Convenzione rende chiaro il principio che uno standard di vita di qualità è un diritto di tutti i minorenni e non un privilegio di pochi.

Gli Stati che l’hanno ratificata si impegnano a far conoscere i principi e le disposizioni in essa contenuti sia agli adulti che ai bambini e affida all’UNICEF, alle Agenzie specializzate e gli altri organi delle Nazioni Unite il compito di promuoverne l’effettiva ed efficace applicazione.

La Convenzione si compone di 54 articoli e il testo è ripartito in tre parti: la prima contiene l’enunciazione dei diritti (artt. 1-41), la seconda individua gli organismi preposti e le modalità per il miglioramento e il monitoraggio della Convenzione (artt. 42-45), mentre la terza descrive la procedura di ratifica (artt. 46-54).

I principi fondamentali:

Gli articoli possono essere raggruppati in principi fondamentali e categorie

1. Non discriminazione (art. 2): i diritti sanciti dalla Convenzione devono essere garantiti a tutti i minorenni, senza distinzione di razza, sesso, lingua, religione, opinione del bambino/adolescente o dei genitori.

3. Diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo del bambino e dell’adolescente (art. 6): gli Stati devono impegnare il massimo delle risorse disponibili per tutelare la vita e il sano sviluppo dei bambini, anche tramite la cooperazione internazionale.

2. Superiore interesse (art. 3): in ogni legge, provvedimento, iniziativa pubblica o privata e in ogni situazione problematica, l’interesse del bambino/adolescente deve avere la priorità.

4. Ascolto delle opinioni del minorenne (art. 12): prevede il diritto dei bambini a essere ascoltati in tutti i processi decisionali che li riguardano, e il corrispondente dovere, per gli adulti, di tenerne in adeguata considerazione le opinioni.

News ed Aggiornamenti